Dieta sbagliata? Ecco 4 segnali che dicono che la dieta non va bene

Sei sicura che la dieta che stai seguendo funziona? Ecco come capire se c’è qualcosa che non va nella tua dieta

La colpa non è la tua, ma della dieta. Molto spesso si pensa che se non perda peso il problema sia nostro perché non stiamo attenti nella scelta dei cibi, Un altro pensiero errato è considerare la dieta come ad un regime alimentare fatto di rinunce e sacrifici.

In realtà l'obiettivo principale di una dieta, oltre ad essere quello di far perdere peso, è quello di educare la persona ad una alimentazione sana e completa, da mantenere per il resto della vita. 

Per dimagrire basta seguire un regime alimentare corretto e bilanciato che non significa mangiare poco, ma mangiare bene.

Affidarsi a diete improvvisate non è la soluzione giusta. Queste diete all’inizio potrebbero portare qualche risultato, ma a lungo andare comportano rischi e carenze anche gravi per l'organismo. Essere sempre stanco, giù di morale o avere frequenti mal di testa, possono essere alcuni dei campanelli d'allarme che il tuo corpo ti invia, per farti capire che stai seguendo una dieta sbagliata o che non rispetta le tue esigenze. Ecco allora i principali segnali che ti fanno capire che segui una dieta sbagliata e i consigli per porre rimedio.

Mal di testa frequenti

Avere spesso mal di testa è un segnale molto chiaro che stai seguendo una dieta poco equilibrata. Ad esempio, uno degli effetti collaterali delle diete iperproteiche è proprio il mal di testa, ma ne possono essere causa anche troppe poche calorie o troppa caffeina. Come rimediare? Se al mattino soffri spesso di mal di testa, prova a integrare la tua colazione con una o due fette biscottate in più, magari con l'aggiunta di un velo di marmellata. Inoltre, ricordati di non saltare mai lo spuntino di metà mattina e, se senti di avere ancora fame, di integrarlo con verdure crude, che saziano aggiungendo pochissime calorie.

Sensazione continua di stanchezza

Quando si inizia una dieta è possibile sentirsi stanchi e affamati, soprattutto perché il corpo ha bisogno di tempo per abituarsi alle novità. Ma se dopo un paio di settimane continui a sentirti sempre stanco, magari anche con difficoltà ad alzarti la mattina, probabilmente la dieta che segui è eccessivamente restrittiva per te; una dieta equilibrata, infatti, assicura al tuo organismo tutti i nutrienti e le vitamine necessarie a sentirsi bene e in forze. Che fare allora? Assicurati di seguire alla lettera il tuo piano alimentare, senza ulteriori privazioni auto- imposte, ma se già lo stai facendo, probabilmente è necessario modificare la tua dieta attuale.

Gonfiore addominale

Avere spesso la pancia gonfia è indubbiamente un segnale che qualcosa non va nel proprio piano alimentare. Il gonfiore addominale può essere dovuto all'assenza di alcuni alimenti, all'assunzione di bevande gassate o di troppe fibre. Ricordati sempre di consumare i pasti con calma, masticando bene ogni boccone, e cerca di condurre uno stile sano a 360°, eliminando fumo e alcolici, bevendo spesso e praticando attività fisica.

Pelle secca

Da quando hai iniziato la dieta la tua pelle tende ad essere particolarmente secca? Probabilmente, è perché assumi pochi alimenti dissetanti e idratanti, come frutta e verdura, e/o poca vitamina B. Ricorda che mangiare in modo equilibrato è fondamentale anche per la salute della pelle, che si nutre anche delle vitamine, dei nutrienti e degli oligo elementi che il nostro organismo assume attraverso l'alimentazione. Evita quindi diete troppo restrittive, e cerca sempre di seguire una dieta sana e ben bilanciata, che ti assicuri il giusto apporto nutrizionale e vitaminico. Inoltre, cerca di fare il pieno di alimenti ricchi di vitamina B (fegato, cereali integrali, legumi, frutta secca e a guscio, uova, verdure a foglia verde), che favoriscono la rigenerazione di pelle e tessuti, e non dimenticarti di bere spesso.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sesso in strada durante la quarantena, individuato il trio di esibizionisti

  • Calano ulteriormente i nuovi contagi, meno ricoverati in terapia intensiva

  • Buoni spesa, come richiedere il contributo: 150 euro per ogni componente della famiglia

  • Lutto nella comunità di San Patrignano, si è spenta Maria Antonietta Muccioli

  • Borrelli allunga la quarantena fino al primo maggio: "Fase 2 forse dal 16"

  • Coronavirus, verso il blocco totale almeno fino a Pasqua: poi si valutano riaperture in "due fasi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento