A ruba i volumi della Ubulibri in piazza Ganganelli, distribuiti i 4562 euro del Fondo Speculativo

Nonostante la calura a decine hanno preso d’assalto le cataste di libri sistemate sul selciato. Una iniziativa organizzata dall'Associazione Ubu per Franco Quadri con il Festival Internazionale del Teatro in Piazza

Cento borse gialle targate Ubulibri “bruciate” in un quarto d’ora. Centinaia di libri di teatro e di cinema – con vere e proprie “chicche” per gli appassionati - spariti in poche ore, infilati nelle borse acquistate al prezzo di 10 euro. La mattinata di Burning Books, il “rogo” dei libri della casa editrice fondata da Franco Quadri, è iniziata poco dopo le 10 del mattino di domenica 19 luglio in piazza Ganganelli a Santarcangelo di Romagna. Nonostante la calura a decine hanno preso d’assalto le cataste di libri sistemate sul selciato. Una iniziativa organizzata dall'Associazione Ubu per Franco Quadri con il Festival Internazionale del Teatro in Piazza di Santarcangelo di Romagna, nella giornata conclusiva della 45a edizione della rassegna teatrale. In prima fila tra la folla che ha partecipato al “rogo” dei libri anche l’attore Giuseppe Battiston.

“Rogo” scampato invece per i 4.562 euro del Fondo di Provvidenza Speculativo, l’iniziativa proposta dagli artisti Christophe Meierhans e Luigi Coppola, che ha accompagnato tutte le giornate del Festival attraverso la maggiorazione di un euro al prezzo dei biglietti venduti e che sabato sera ha avuto il suo momento conclusivo in piazza Ganganelli, con la riunione della “assemblea dei soci” chiamata a decidere la destinazione dei soldi accumulati alla presenza del Garante del Fondo, la giovane sindaco del Comune di Santarcangelo Alice Parma. Non essendo stato però raggiunto il quorum del numero dei votanti (il 50%) sul totale degli aventi diritto, la somma raccolta (in monete da un euro) è stata redistribuita ai soci presenti all’assemblea, con uno “show” accompagnato dalle note di Romagna Mia. Al termine, la decisione collettiva di destinare comunque i soldi (raccolti fisicamente dentro una carriola) alla proposta più votata. Sono state del resto numerose le proposte di destinazione del Fondo avanzate dal pubblico nelle dieci giornate del Festival. Ad avere la meglio, con 469 voti, la proposta di destinare i soldi raccolti a progetti pedagogici dedicati al teatro. Al secondo posto, con 365 voti, quella di destinare il Fondo a stagisti e volontari del Festival. Terzo posto (93 voti) per la proposta di mantenere il progetto Azdora, la performance dell’artista svedese Markus Ohrn, anche per il futuro.

A sugellare la penultima giornata della 45a edizione del Festival Internazionale del Teatro in Piazza, infine, alle 23,30 di sabato 18 luglio è partita dal Parco dei Cappuccini la Parata L’erba cativa (l’an mor mai) firmata Andreco – Motus. La Parata, ha quindi raggiunto Piazza Ganganelli ed infine lo Sferisterio, accompagnata da una folla numerosa.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbornia di San Valentino, fermata una dottoressa ubriaca fradicia alla guida: ritirate 18 patenti

  • Gli amici del bar non lo vedono da giorni, ritrovato cadavere in casa

  • Dramma in stazione, giovane si lancia contro il treno: modifiche alla circolazione

  • Avvelena il proprio cane con del topicida, il sadico proprietario denunciato

  • Macabra scoperta, ritrovato cadavere nel porto

  • Taglia la legna con la motosega e si ferisce: trasportato al Bufalini con l'eliambulanza

Torna su
RiminiToday è in caricamento