Abusivismo commerciale: boom di sequestri e rinvenimenti, quasi sparita la merce contraffatta

Per gli accessori taroccati solo 25 i sequestri penali eseguiti contro i 198 registrati nel 2015

Oltre un migliaio di sequestri amministrativi, l’endemico problema della vendita di merce contraffatta pressoché ridotto a zero, il fenomeno delle vendite stanziali – i ‘mercatini’ non autorizzati ad occupare intere porzioni di arenile, specie nella zona sud della città – fortemente ridimensionato rispetto a qualche anno fa. Si è chiusa nel fine settimana l’attività del Nucleo operativo anti abusivismo commerciale della Polizia Municipale di Rimini, cominciata a maggio, che riconsegna un bilancio che per numeri e caratteristiche consolida il trend già fotografato da un paio di stagioni a questa parte. Aumentano i sequestri amministrativi – 1.032 quelli portati a termine dagli agenti al 16 settembre, tra rinvenimenti e verbali amministrativi – in linea con i numeri dello scorso anno (1.055).

Si conferma invece la drastica riduzione della merce con marchio contraffatto: solo 25 i sequestri penali eseguiti, contro i 198 registrati nel 2015. Pochissimi quindi i venditori irregolari che propongono borse, vestiti e scarpe con marchi falsi di note griffe di moda: i pochissimi rimasti concentrati ad agosto, periodo con una maggiore presenza di turisti e di potenziali clienti. L’attività del Noac ha consentito di tenere sotto controllo le articolazioni più evidenti (occupazione della spiaggia, vendita capi fasulli) di un fenomeno che, dopo tre anni di applicazione della nuova strategia coordinata, si conferma quindi decisamente e sensibilmente ridimensionato rispetto a qualche anno fa, a detta degli stessi operatori balneari riminesi. Dunque ormai sporadiche le situazioni di venditori stanziali: addirittura nella stagione 2018 i casi si sono registrati solo nella zona nord della costa riminese, casi su cui la Polizia Municipale è puntualmente intervenuta. Registrata la presenza circoscritta di venditori itineranti, sui quali la Polizia municipale è intervenuta alle segnalazioni.

Si ricorda che il Nucleo antiabusivismo è il frutto di uno specifico progetto triennale, approvato e finanziato dall'amministrazione comunale di Rimini, che ha come obiettivo non solo quello del contrasto dei venditori non autorizzati, ma anche di perseguire fenomeni che specie d’estate si manifestano specie nella marina come quello dei cosiddetti pallinari o della prostituzione in strada. Questo anche attraverso l’uso di specifiche tecnologie (es. telecamere go pro), utilizzate soprattutto per l’identificazione dei responsabili di violazioni di legge. Ed è proprio per meglio coordinare e rendere più efficace l’azione su questo versante che agli uomini che compongono la forza attiva del Nucleo antiabusivismo si è affiancato con compiti specifici su pallinari e prostitute un nuovo gruppo di operatori della PM. Il Nucleo Operativo Antiabusivismo Commerciale ha operato con modalità flessibili su tre turni operativi dalle ore 7 alle ore 24 così come avvenuto negli ultimi anni. Quest’anno gli agenti hanno potuto utilizzare anche un mezzo speciale, un’auto adatta agli spostamenti sulla spiaggia, usata per accompagnare l’attività del personale della Pm, svolgendo anche la funzione di presidio e deterrente.

“Innanzitutto ringrazio gli agenti della Polizia Municipale che anche quest’anno si sono impegnati al massimo per monitorare e contrastare l’abusivismo commerciale – sottolinea l’assessore alla Polizia Muncipale Jamil Sadegholvaad – Possiamo dire che ci siamo definitivamente lasciati alle spalle la fase più critica ed ora stiamo contenendo un fenomeno non più così invasivo e impattante come una volta. Questo testimonia che la strategia operativa adottata - e messa in campo anche con l’ausilio e la collaborazione di tutte le altre forze dell’ordine del territorio -ha basi solide”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta all'alba, si toglie la vita nel parcheggio del centro commerciale

  • Pronto a nascere il maxi outlet con un investimento da 150 milioni di euro

  • Stroncato da un malore durante la partita di calcetto muore a 28 anni

  • Il Cocoricò riapre le porte con un nuovo gestore: "Inaugureremo a Pasqua e ci saranno grandi eventi"

  • Amazon a Santarcangelo, il colosso dell'e-commerce ha aperto i battenti

  • Risotto coi funghi velenosi: muore dopo una settimana di agonia

Torna su
RiminiToday è in caricamento