Aeradria, assolto il funzionario dell'Enac accusato di corruzione

La contestazione verteva sull’eventuale abuso di qualità o di potere, che aveva indotto una società a conferirgli nel 2011 un incarico di consulenza

Accusato di induzione indebita, Roberto Serrentino, già consigliere di amministrazione dell’ENAC e membro del Collegio Sindacale della società Aeradria, è stato assolto con formula piena dal Tribunale di Rimini, perché il fatto non sussiste. La contestazione verteva sull’eventuale abuso di qualità o di potere, che aveva indotto una società a conferire nel 2011 un incarico di consulenza a Roberto Serrentino. All’esito della sentenza, l'imputato ha dichiarato: “Ho sempre creduto nella giustizia, fiducioso che alla fine di un calvario durato 5 anni emergesse la verità. Essere assolto perché il fatto non sussiste, cioè con la formula di assoluzione piena, è una soddisfazione, soprattutto morale, che mi ripaga di tanti anni di sofferenza". Nel 2017 il GIP di Rimini aveva archiviato un procedimento a carico di tutti i consiglieri di amministrazione ENAC, fra i quali Roberto Serrentino, per presunto concorso nella bancarotta della società Aeradria, perché il fatto non costituisce reato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbornia di San Valentino, fermata una dottoressa ubriaca fradicia alla guida: ritirate 18 patenti

  • Dramma in stazione, giovane si lancia contro il treno: modifiche alla circolazione

  • Gli amici del bar non lo vedono da giorni, ritrovato cadavere in casa

  • Avvelena il proprio cane con del topicida, il sadico proprietario denunciato

  • Macabra scoperta, ritrovato cadavere nel porto

  • Taglia la legna con la motosega e si ferisce: trasportato al Bufalini con l'eliambulanza

Torna su
RiminiToday è in caricamento