Alloggi Peep, approvate le modalità di determinazione dei corrispettivi per il riscatto e svincolo delle aree

Il Comune di Rimini, a seguito di una recente interpretazione della norma da parte della Corte dei Conti che consente al massimo un abbattimento del 50% del valore venale dei beni, aveva sospeso il procedimento di riscatto

Il consiglio comunale ha approvato martedì in seconda convocazione (12 voti a favore e un astenuto) “l’adeguamento delle modalità di determinazione dei corrispettivi per la cessione in proprietà di aree comunali Peep o ad esse assimilabili, già concesse in diritto di superficie agli assegnatari da parte del Comune di Rimini e rimozione anticipata dei vincoli”. Con l’approvazione di questo atto, che nasce dall’obbligo degli enti locali di attenersi all’orientamento della Corte dei Conti in materia, “abbiamo garantito ai cittadini il diritto a riscattare – sottolinea l’assessore al Bilancio Gian Luca Brasini – che, come è noto è un’opzione non obbligatoria, a cui diversi cittadini si sono mostrati interessati. Con la delibera approvata inoltre si stabilisce un abbattimento forfettario fino al 50 per cento del valore palesemente migliorativo rispetto a quello stabilito dalla Corte dei Conti che si ferma al 40 per cento. Percentuali alla mano, c’è quindi un miglioramento per i cittadini del 10% rispetto all’interpretazione vigente. Parallelamente – conclude l’assessore Brasini – prosegue comunque la nostra azione politica a livello parlamentare per far sì che si arrivi ad una interpretazione autentica dell’emendamento Sani-Petitti, al fine di riportare un criterio di equità e valori di riscatto in tutti i Peep e piani particolareggiati di edilizia pubblica”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune di Rimini, a seguito di una recente interpretazione della norma da parte della Corte dei Conti che consente al massimo un abbattimento del 50% del valore venale dei beni, aveva sospeso il procedimento di riscatto perché con una propria delibera di Consiglio aveva invece stabilito che il 50% fosse solo la base di calcolo, a cui applicare poi gli abbattimenti ulteriori specifici previsti dalla legge sui Peep. Il sindaco Andrea Gnassi aveva dunque sensibilizzato i parlamentari locali e Anci nazionale sull'argomento, chiedendo un'azione comune per giungere a una interpretazione autentica della norma da parte del Governo che non riportasse indietro l'orologio al metodo di calcolo sperequato e più oneroso per i cittadini. La volontà è quella di promuovere nuovamente la reintroduzione dei principi dell'emendamento Sani-Petitti, (recepita attraverso le delibera comunale del luglio 2014) oltre a "parificare" il trattamento a tutti i cittadini riminesi per quanto concerne i riscatti, a seguito dell’intervento della Corte dei Conti nel 2011.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • Padre di famiglia cerca una lucciola ma si trova a letto con un trans, parapiglia nel residence

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

  • La Guardia di finanza scopre una "furbetta" del reddito di cittadinanza: denunciata una 60enne

  • Si tuffa con gli amici ma non riemerge: dopo due giorni di agonia muore un ragazzo di 19 anni

  • Il marchio Cocoricò torna sotto la piramide: ad acquistare il brand Enrico Galli

Torna su
RiminiToday è in caricamento