Aperte le fogne, divieto di balneazione in 10 zone della costa riminese

Dopo la burrasca di venerdì pomeriggio gli sfioratori hanno riversato in mare i liquami facendo scattare lo stop ai tuffi

La burrasca che si è abbattuta su tutta la provincia di Rimini nel tardo pomeriggio di venerdì ha provocato l'apertura degli scarichi fognari in mare. Da nord a sud sono 10 i siti dove, a causa dei liquami sversati in adriatico, è scattato il divieto di balneazione. In particolare i tuffi sono vietati a Torre Pedrera (Brancona), Viserba (La Turchia), Rimini (foce del Marecchia), Rimini Marina Centro (Ausa), Bellariva (Colonnella 1 e 2), Rivazzurra (Rodella), Miramare (Roncasso), Riccione (Foce rio Asse), Cattolica (via Fiume). Salvo eventuali peggioramenti meteo, il divieto di balneazione di 18 ore durerà per tutta la giornata di sabato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta il gesto estremo sui binari del treno, salvata appena in tempo dai carabinieri

  • Il programma Melaverde fa tappa in Romagna tra ristoranti e tour in collina

  • Temperature in picchiata, arriva la prima nevicata della stagione

  • Tre giorni di live, a Capodanno Riccione diventa la capitale della musica: arivano anche Emma e Mahmood

  • "Siamo nel mirino delle bande di ladri", i residenti infuriati chiedono più sicurezza

  • Aggressione sessuale nell'ascensore di una clinica medica: paura per una ragazza

Torna su
RiminiToday è in caricamento