Aperte le fogne, divieto di balneazione in 10 zone della costa riminese

Dopo la burrasca di venerdì pomeriggio gli sfioratori hanno riversato in mare i liquami facendo scattare lo stop ai tuffi

La burrasca che si è abbattuta su tutta la provincia di Rimini nel tardo pomeriggio di venerdì ha provocato l'apertura degli scarichi fognari in mare. Da nord a sud sono 10 i siti dove, a causa dei liquami sversati in adriatico, è scattato il divieto di balneazione. In particolare i tuffi sono vietati a Torre Pedrera (Brancona), Viserba (La Turchia), Rimini (foce del Marecchia), Rimini Marina Centro (Ausa), Bellariva (Colonnella 1 e 2), Rivazzurra (Rodella), Miramare (Roncasso), Riccione (Foce rio Asse), Cattolica (via Fiume). Salvo eventuali peggioramenti meteo, il divieto di balneazione di 18 ore durerà per tutta la giornata di sabato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore sotto gli occhi del figlio, donna perde la vita investita da un'auto

  • Ascensore precipita con le persone dentro: diversi i feriti

  • Mitra e pistole, i rapinatori sequestrano i dipendenti della banca

  • Marquez-Rossi, clima infuocato a Misano. Lo spagnolo: "Io lotto per il Mondiale". La replica: "Mi ha ostacolato"

  • Vittorio Sgarbi promuove Gnassi, "lo avrei già nominato premier", e anticipa i progetti su Fellini

  • Marquez vince a casa di Rossi: "Avevo una motivazione in più". E alla festa del podio viene fischiato

Torna su
RiminiToday è in caricamento