Assume barista "in nero" e la minaccia: alle sbarre una 52enne

Ha assunto "in nero" una barista 22enne originaria della Lettonia, costringendola ad orari massacranti di lavoro nonostante uno paga da fame

Ha assunto “in nero” una barista 22enne originaria della Lettonia, costringendola ad orari massacranti di lavoro nonostante uno paga da fame. Poi, dopo le rivendicazioni della giovane, che rifiutava di sottoscrivere documenti di assunzione retrodatati, si è appropriata delle valigie della ragazza, contenenti gli indumenti ed i documenti personali, comunicandole che le avrebbe restituito il tutto solo se lei avesse firmato le carte che le aveva presentato.

Una 52enne di Saludecio è stata arrestata sabato sera dai Carabinieri di Montefiore Conca con l’accusa di estorsione, irregolarità contributiva nel lavoro, appropriazione indebita ed ingiuria. Gli uomini dell’Arma si sono presentati nel bar della 52enne, trovandola in possesso della documentazione e delle tre valigie che erano state nascoste nel balcone sito all’esterno dell’esercizio. La donna ora è in carcere a Forlì.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Distrazione fatale, beve da una bottiglietta che conteneva liquido corrosivo

    • Cronaca

      Trovato a terra in una pozza di sangue, giallo a San Giuliano

    • Cronaca

      Viale Tripoli riasfaltata porta una brutta sorpresa per gli automobilisti

    • Cronaca

      Spacciatori al Bikini durante la festa del 23 aprile, incastrati dal fiuto dei cani antidroga

    I più letti della settimana

    • Festa al Bikini: in 22 soccorsi dai medici dell'ospedale da campo

    • Minorenni in coma etilico, la Questura chiude il locale dai cocktail facili

    • Trovato a terra in una pozza di sangue, giallo a San Giuliano

    • Fiamme dolose all'alba, distrutto negozio di frutta e verdura

    • Mix di "canne" e alcol, finisce in overdose alla festa sulla spiaggia

    • Bambino di 2 mesi picchiato e ridotto a un vegetale, genitori a processo

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento