Assume barista "in nero" e la minaccia: alle sbarre una 52enne

Ha assunto "in nero" una barista 22enne originaria della Lettonia, costringendola ad orari massacranti di lavoro nonostante uno paga da fame

Ha assunto “in nero” una barista 22enne originaria della Lettonia, costringendola ad orari massacranti di lavoro nonostante uno paga da fame. Poi, dopo le rivendicazioni della giovane, che rifiutava di sottoscrivere documenti di assunzione retrodatati, si è appropriata delle valigie della ragazza, contenenti gli indumenti ed i documenti personali, comunicandole che le avrebbe restituito il tutto solo se lei avesse firmato le carte che le aveva presentato.

Una 52enne di Saludecio è stata arrestata sabato sera dai Carabinieri di Montefiore Conca con l’accusa di estorsione, irregolarità contributiva nel lavoro, appropriazione indebita ed ingiuria. Gli uomini dell’Arma si sono presentati nel bar della 52enne, trovandola in possesso della documentazione e delle tre valigie che erano state nascoste nel balcone sito all’esterno dell’esercizio. La donna ora è in carcere a Forlì.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      "Per essere un campione devi essere anche un patacca!"

    • Cronaca

      Tremendo incendio manda in cenere auto in un parcheggio

    • Cronaca

      Hotel chiuso da anni ma da Tripadvisor arrivano promozioni e recensioni

    • Cronaca

      Dopo la notte di sesso sfrenato con l'escort arrivano i ricatti

    I più letti della settimana

    • Salto di carreggiata sull'Adriatica, camion centra la vettura di un ragazzo

    • Minacciato dagli altri detenuti, Eddy Tavares trasferito dal carcere dei "Casetti"

    • Noto industriale riminese indagato per bancarotta fraudolenta

    • Hotel chiuso da anni ma da Tripadvisor arrivano promozioni e recensioni

    • Centrato in pieno da uno scooterista, anziano ciclista in gravi condizioni

    • Niente posta nelle buchette, due postini finiscono indagati per gravi reati

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento