Nascono le aule studio a Viserba: a gestirle un “giovane” gruppo Ci.vi.vo

Tre sale della sede dell’ex quartiere 5 a Viserba sono state infatti destinate ad aule per lo studio e la lettura e saranno date in gestione ad un gruppo di dodici studenti universitari della zona che si sono costituiti in un gruppo Ci.vi.vo

Un punto di incontro per confrontarsi, per studiare insieme e per creare una rete di relazioni che possa dare vita a idee e progetti. Nato dalla volontà di un gruppo di studenti, prende corpo il progetto “Aule studio a Viserba”, che risponde ad una precisa richiesta dei giovani della zona di Rimini nord. Tre sale della sede dell’ex quartiere 5 a Viserba sono state infatti destinate ad aule per lo studio e la lettura e saranno date in gestione ad un gruppo di dodici studenti universitari della zona che si sono costituiti in un gruppo Ci.vi.vo.

“Si tratta di un altro esempio di quel percorso che l’Amministrazione ha intrapreso che va nella direzione del recupero e della valorizzazione degli spazi poco utilizzati – sottolinea il sindaco Andrea Gnassi – Con questo progetto riempiamo di vita e di energia la sede dell’ex quartiere, affidando ai ragazzi la responsabilità di gestire e mantenere vivo il luogo. Avranno la possibilità di incontrarsi e di costruire relazioni. Un punto di riferimento di questo tipo è particolarmente importante in una zona come quella di Rimini nord, che negli ultimi anni è cresciuta in maniera esponenziale”.

Il Comune, attraverso l’interessamento dell’assessore alle Politiche Giovanili Sara Visintin e dei rapporti con il Territorio Nadia Rossi, ha individuato tre sale al piano superiore della sede dell’ex quartiere 5 in via Mazzini 22, a Viserba. Ai volontari, che si sono già occupati di ritinteggiare le stanze, spetterà il compito di gestire i locali, ma “non è detto che possa essere un primo passo verso un progetto più articolato – sottolinea l’assessore Sara Visintin – La condivisione di un luogo nato per lo studio potrebbe diventare anche un luogo della creatività e della cultura, uno spazio di relazione tra i giovani per raccogliere esigenze ed elaborare risposte in modo attivo e partecipato. Inoltre sarà anche un’opportunità di scambio generazionale: nella stessa sede infatti una sala è già da tempo destinata ad un gruppo di anziani”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo è il 20esimo gruppo CI.VI.VO. ufficialmente attivo (altri sono in fase di costituzione), “per un totale di quasi trecento volontari che hanno deciso di dedicare tempo e fatica alla cura della propria città – sottolinea l’assessore Nadia Rossi - In un mondo che sembra chiudersi, abbiamo trovato tante donne e uomini, giovani e meno giovani, pronti a mettersi in gioco e a mettersi al servizio dei beni comuni: una scommessa che sembra vinta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fermato tre volte in un giorno: "Voglio godermi la vita, tanto le multe non le pago"

  • Calano ulteriormente i nuovi contagi, meno ricoverati in terapia intensiva

  • Buoni spesa, come richiedere il contributo: 150 euro per ogni componente della famiglia

  • Borrelli allunga la quarantena fino al primo maggio: "Fase 2 forse dal 16"

  • Droga party nel garage per combattere la noia della quarantena

  • A spasso sulla battigia azzanna gli agenti della polizia di Stato

Torna su
RiminiToday è in caricamento