Il cenone si conclude con una lite in famiglia, arrestato uno straniero

I carabinieri, arrivati sul posto, sono stati aggrediti dall'esagitato in preda ai fumi dell'alcol

Cenone di capodanno turbolento, a Bellaria, coi carabinieri costretti ad intervenire per bloccare l'esagitato. Secondo quanto emerso, durante la festa in famiglia un 38enne kazako, già noto alle forze dell'ordine, ha iniziato ad esagerare con gli alcoli. Dopo il brindisi, inoltre, lo straniero ha continuato a bere smodatamente fino a quando, verso le 2, ha iniziato a litigare furiosamente. La discussione, partita da futili motivi, è degenerata tanto che la donna, dopo essere stata aggredita fisicamente, ha chiamato aiuto al 112. Sul posto è intervenuta una pattuglia dei carabinieri e, alla vista delle divise, il 38enne non ha dato segni di calmarsi arrivando ad aggredire i militari dell'Arma. Uno dei carabinieri è rimasto leggermente ferito mentre, il kazako, è stato arrestato con l'accusa di resistenza e lesioni.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      L'ultimo saluto a Nicky Hayden, la cerimonia in diretta su Facebook

    • Eventi

      Occhi all'insù: tornano le Frecce Tricolori con il "Bellaria Igea Marina Airshow 2017"

    • Cronaca

      Riapre il "BoaBay": l'aquapark galleggiante in mare più grande del mondo

    • Incidenti stradali

      Scontro tra auto e scooter, ad avere la peggio è stato un 36enne

    I più letti della settimana

    • Incidente in moto per Valentino Rossi: ricoverato in pronto soccorso a Rimini

    • "Vale sta bene e sta riposando". E il "Dottore" si scatta un selfie con le infermiere

    • Ancora una tragedia sulle strade: schianto all'incrocio, muore un motociclista

    • E' morto Nicky Hayden, Kentucky Kid ha perso la sua gara più importante

    • Strappa l'arma dalla fondina di un agente e si spara diritta al cuore

    • Incidente in pista a Misano: pilota cade e viene investito da un'altra moto

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento