Bidello si scaglia contro una bimba islamica di 10 anni: "Tornate a casa vostra"

Secondo una prima ricostruzione, sulla quale farà luce comunque la Procura di Rimini, il ‘fattaccio’ è avvenuto durante la ricreazione dove si stava discutendo dei sanguinari attentati di Parigi.

Rischia una denuncia per discriminazione, odio per motivi razziali, etnici o religiosi il bidello di una scuola elementare della provincia di Rimini che, durante l’intervallo, avrebbe rivolto insulti a sfondo razziale verso una bimba di soli 10 anni, di religione islamica. Secondo una prima sommaria ricostruzione, sulla quale farà luce comunque la Procura di Rimini, il ‘fattaccio’ è avvenuto durante la ricreazione dove si stava discutendo dei sanguinari attentati di Parigi.

“Tornate a casa vostra, musulmani” avrebbe detto il collaboratore scolastico alla piccola, ‘rea’ di averlo contraddetto sul numero di morti di Parigi, sostenendo che fossero molti di meno rispetto a quanto affermato dal bidello stesso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una maestra ha sentito la frase e, dopo aver calmato gli animi, ha raccontato il fatto alla direzione dell’istituto che da parte sua ha avvertito la Questura. Il fascicolo è ora in mano alla Procura. Potrebbe, come detto, partire una denuncia nei confronti dell’uomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si prendono gioco di polizia e quarantena: sesso a 3 in strada davanti al comando

  • Sesso in strada durante la quarantena, individuato il trio di esibizionisti

  • Lutto nella comunità di San Patrignano, si è spenta Maria Antonietta Muccioli

  • Ristoratore stroncato da un improvviso malore nella sua abitazione

  • Diminuiscono i nuovi contagiati. Venturi: "Faccio il tifo per Rimini, ha preso misure draconiane che danno risultati"

  • Coronavirus, verso il blocco totale almeno fino a Pasqua: poi si valutano riaperture in "due fasi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento