Finanza, il bilancio estivo del Reparto Operativo Aeronavale: raffica di sequestri

Il Reparto Operativo Aeronavale di Rimini è la risorsa specializzata del Comando Regionale Emilia Romagna della Guardia di Finanza volta ad assicurare la sorveglianza marittima e costiera e il supporto aeronavale alle operazioni di polizia economico-finanziaria sul territorio della regione

26 persone denunciate. 10 tonnellate di amianto e 5000 tonnellate di altri rifiuti sequestrati, in 432 controlli e 34 indagini. Questo il bilancio dell’attività di contrasto agli illeciti di natura economicofinanziaria condotta nel periodo estivo dalla componente specializzata aerea e navale della Guardia di Finanza di Rimini lungo la costa e sul territorio regionale, a tutela della collettivita’ e dell’ambiente. 

Il Reparto Operativo Aeronavale di Rimini è la risorsa specializzata del Comando Regionale Emilia Romagna della Guardia di Finanza volta ad assicurare la sorveglianza marittima e costiera e il supporto aeronavale alle operazioni di polizia economico-finanziaria sul territorio della regione. Dal primo gennaio ai sensi del decreto legislativo 19 agosto 2016, numero 177, ha la responsabilità esclusiva della tutela dell’ordine pubblico sul mare, ereditando le competenze e i servizi precedentemente garantiti dalla Polizia di Stato e dai Carabinieri.

Nel periodo estivo l’azione di servizio, naturale complemento sul mare, dell’attività istituzionale effettuata a terra dai comandi provinciali, si è focalizzata sul controllo economico della fascia costiera, del mare e delle acque interne, insieme al monitoraggio dello spazio aereo sovrastante, con 301 crociere di servizio delle unità navali e 154 missioni di volo degli elicotteri. Sono inoltre stati svolti servizi di polizia doganale per la sorveglianza del traffico marittimo, il contrasto alla contraffazione e all’importazione di merce illegale; e attività di prevenzione e repressione degli illeciti in materia ambientale e demaniale, anche grazie alle capacità di scoperta dei mezzi aerei. I militari sono inoltre stati impegnati in servizi di polizia marittima nella constatazione delle violazioni amministrative e penali previste dal Codice della navigazione.

Attività hanno riguardato il contrato all'indebito utilizzo di prodotti energetici per i quali sono previste agevolazioni in materia di accise; l’impiego di personale “in nero” a bordo delle imbarcazioni; e casi di illegittima percezione di contributi a carico del bilancio nazionale ed europeo previsti per gli operatori del settore marittimo e della pesca, principalmente per la ristrutturazione del naviglio, gli impianti di acquacoltura, la riconversione professionale del personale navigante e la demolizione dei pescherecci.

Sono complessivamente 432 i controlli effettuati a mare e lungo al costa. Sono state condotte 34 indagini delegate, prevalentemente in ambito economico finanziario, con 26 persone denunciate, prevalentemente per reati di appropriazione indebita, sfruttamento della manodopera in nero, violazioni ambientali e pesca vietata. Due persone sono state segnalate per violazioni amministrative in materia demaniale. Sono state sequestrate oltre 10 tonnellate di amianto; più di 5.000 tonnellate di altri materiali inquinanti individuati e sequestrati e quasi due quintali di prodotto ittico.

Inoltre sono stati sequestrati oltre 121mila metri quadrati di terreno, 36 edifici e costruzioni. Sono 16 gli illeciti amministrativi riscontrati in materia di Imu e Tasi per 239,717 euro. Sono sette le sanzioni elevate in materia di lavoro nero per 10.500 euro; due quelle demaniali per 7.747 euro; ed un illecito amministrativo in materia di commercio per 2.500 eruo. La combinazione fra terra e mare e l’unitarietà del dispositivo aeronavale sono leve irrinunciabili per consentire al Corpo il pieno assolvimento delle sue missioni istituzionali di contrasto ai traffici illeciti nell’ambito di un articolato e funzionale sistema che si sviluppa senza soluzione di continuità e massima integrazione fra dispositivo di vigilanza a mare e reparti sul territorio.

Potrebbe interessarti

  • Pulire i vetri: addio agli aloni su finestre e specchi

  • "Il parchetto di Miramare tra sbandati che bivaccano ed escrementi umani ovunque"

  • Stop al sudore: come scegliere il deodorante giusto per la tua pelle

  • 9 trucchi per fare la valigia perfetta

I più letti della settimana

  • Fulmine centra azienda agricola, vasto incendio nel deposito delle rotoballe

  • Investimento mortale sulla linea ferroviaria, stop ai treni sulla linea adriatica

  • Lui, lei e l'altro, il triangolo amoroso finisce con pugni e schiaffi nel parco

  • Il Sole 24 ore incorona Rimini come capitale dell’italian lifestyle

  • Perde il controllo e si schianta contro un albero, centauro deceduto sul colpo

  • A Miramare gli hotel dell'orrore: strutture in pessime condizioni igienico sanitarie

Torna su
RiminiToday è in caricamento