Torna nel suo Paese e abbandona il cane, un mese d'inferno per il cucciolo

Il povero quattrozampe sopravvissuto solo grazie all'intervento dei vicini che gli allungavano qualcosa da mangiare

Un mese d'inferno per un povero cagnolino meticcio che, abbandonato dal proprietario, è rimasto legato per un mese a una catena ed è sopravvissuto solo grazie ai vicini di casa che gli allungavano del cibo. Solo nella mattinata di lunedì, al termine degli accertamenti di rito, il quattrozampe è stato salvato dai carabinieri che lo hanno liberato e affidato alle cure del canile “Emma e Murphi”  di Riccione. Secondo le indagini dei militari dell'Arma della Tenenza di Cattolica il proprietario, un 53enne moldavo che risiedeva in città, ai primi di agosto aveva lasciato l'abitazione per tornare nel suo Paese lasciando il cucciolo nel cortile e legato a una catena. I guaiti dell'animale hanno impietosito i vicini che, oltre a dare l'allarme, si sono prodigati per fornire un po' di cibo al cane. Oltre a liberare il quattrozampe, i carabinieri hanno provveduto a denunciare a piede libero lo straniero per maltrattamenti ed abbandono di animale domestici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresa al ristorante: arrivano gli ospiti di 'Ballando con le Stelle'

  • Spaccata nella boutique, razzia di costosi capi di abbigliamento e borse griffate

  • Insieme nella vita e nel lavoro, marito e moglie riaprono il supermercato in via della Fiera

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

  • Investe una donna con i suoi tre cani sulle strisce pedonali e scappa: è caccia al pirata

Torna su
RiminiToday è in caricamento