Celebrazione della “Virgo Fidelis” Patrona dell’Arma in Valmarecchia

La celebrazione officiata da S.E. Rev.ma Mons. Andrea Turazzi, Vescovo della Diocesi San Marino – Montefeltro e concelebrata con Don Armando, parroco di Talamello

Nella serata del 21 novembre, i Carabinieri della Compagnia di Novafeltria hanno celebrato la “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma dei Carabinieri. La celebrazione, officiata da S.E. Rev.ma Mons. Andrea Turazzi, Vescovo della Diocesi San Marino – Montefeltro - concelebrata con Don Armando, parroco di Talamello - ha avuto luogo nella Chiesa del Crocifisso. Alla cerimonia hanno presenziato tutti i Sindaci dell’Alta valle, i rappresentanti del locale Distaccamento della Polizia Stradale, del Corpo Forestale dello Stato, Polizia Locale e Vigili del Fuoco ed una nutrita schiera di militari delle Stazioni dipendenti e del Nucleo Operativo e Radiomobile, oltreché l’immancabile Associazione Nazionale Carabinieri di Novafeltria. Dopo la messa - il Comandante della Compagnia - Capitano Silvia Guerrini, ha ringraziato i Sindaci per la loro massiccia presenza, a testimonianza “dell’attenzione che rivolgono ai loro Carabinieri” ed il Vescovo della Diocesi per la presenza e per le belle parole rivolte nei confronti della Benemerita, argomentando poi ai presenti, l’intenzione di rendere “itinerante” tale annuale celebrazione, come ulteriore momento di condivisione con le popolazioni dei centri della Valmarecchia: “i Carabinieri fanno parte del paesaggio e vogliono condividere anche i propri valori con queste popolazioni, a cui donano se stessi, ogni giorno”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parlando della fedeltà al giuramento prestato, che si spinge - se necessario - fino all’estremo sacrificio, il Capitano ricordava il 75esimo anniversario della battaglia di Culqualber, località nell’Africa orientale, ed il sacrificio dei Carabinieri del I Battaglione Carabinieri e zaptié mobilitato, immolatisi per la Patria che ha valso, alla Bandiera dell’Arma, il riconoscimento della sua seconda medaglia d’oro al valor militare. Nel suo intervento, il Capitano Guerrini, ha ricordato poi che con la “Virgo Fidelis” l’Arma celebra anche la “Giornata dell’Orfano” che rappresenta per i Carabinieri e per l’ONAOMAC (Opera Nazionale Assistenza Orfani Militari Arma carabinieri) un concreto momento di vicinanza alle famiglie dei colleghi scomparsi, a cui ha voluto rivolgere un particolare pensiero, ricordando con quale coraggio e dignità sopportino la dolorosa perdita dei propri cari, a  testimonianza  della vicinanza dell’Arma a tutti loro, ed ai figli dei Carabinieri caduti. La ricorrenza si è felicemente conclusa con un sobrio momento conviviale offerto per tutti i presenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vittima dei truffatori: "Mi sono fatto fregare da una banda di quaquaraquà"

  • Il suo cuore si spegne davanti agli occhi degli amici: muore a 22 anni

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta davanti al ristorante

  • Coronavirus, i contagi tornano a salire: 12 nuovi casi

  • Ecco la nuova spiaggia di Rimini: 18 metri quadri a ombrellone, apertura fino alle 22 e ok al delivery

  • Colpo al traffico di "bianca": arrestato pusher con più di 300 grammi di cocaina

Torna su
RiminiToday è in caricamento