Cercava di aiutare la madre a recuperare il denaro, ragazzo accusato falsamente di furto

A finire nei guai due fratelli calabresi che gestiscono un negozio di frutta e verdura a Riccione

Si è risolta nel migliore dei modi l'indagine dei carbinieri della Compagnia di Riccione, che ha portato all'arresto di due fratelli calabresi e scagionato un ragazzo della Perla Verde di furto. Tutto ha inizio nel mese di maggio quando gli arrestati avevano chiamato i carbinieri sostenendo di esere stati apena derubati da un ragazzo che, entrato nel loro negozio di frutta e verdura, si era impossessato dei contati custoditi in cassa. All'arrivo della gazzella, però, i fraelli si erano contraddetti parlando del furto di alcuni prodotti alimentari esposti. Quando la gazzella è arrivata sul posto, tuttavia i calabresi hanno parlato di un più generico furto di frutta fancendo insospettire i carabinieri.

Il preseguo delle indagini ha così permesso di fare emergere che i fruttivendoli, un 30enne e un 28enne entrambi già noti alle forze dell'ordine, si erano inventati tutta la vicenda e che il presunto ladro, un 26enne riccionese, era in realtà il figlio di una dipendente del negozio che non era stata pagata dai datori di lavoro. La donna, infatti, aveva già proceduto per le vie legali nei confronti dei fratelli per ottenere quanto le spettava riuscendo anche a far pignorare il camion utilizzato dai calabresi che, però, era sparito prima che venisse messo sotto sigilli. Il figlio 26enne, per aiutare la madre, si era così appostato davanti al negozio per fotografare il mezzo da sequestrare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scoperto dai due fratelli, era stato aggredito e picchiato oltre che derubato del cellulare tanto da dover ricorrere alle cure dei sanitari per poi essere dimesso con una prognosi di 5 giorni. La nuova indagine dei carabinieri ha così permesso di chiedere o ottenere dal gip un provvedimento di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti dei calabresi arrestati dai carabinieri della Compagnia di Riccione. I due fratelli, adesso, dovranno rispondere di simulazione di reato, rapina e lesioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • Padre di famiglia cerca una lucciola ma si trova a letto con un trans, parapiglia nel residence

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

  • Scontro frontale tra due auto, 6 feriti. Mamma e figlia di 5 anni gravi al "Bufalini"

  • Vacanza tragica, 17enne muore annegata durante un bagno all'alba

  • Coronavirus, 7 nuovi casi nel riminese: quattro rientrati dall'estero

Torna su
RiminiToday è in caricamento