Cocoricò, Titilla e Memorabilia, i marchi della celebre discoteca finiscono all'asta

I brand pignorati dal Dj Gabry Ponte che non avrebbe ricevuto dal locale il cachet di 200mila euro

L'appuntamento è per il prossimo 25 gennaio, all’Istituto vendite giudiziarie per i Tribunali di Perugia, Terni, Spoleto, dove per 423.500 euro sarà possibile acquistare tre marchi di indubbio successo. A finire all'asta sono i brand Cocoricò, Titilla e Memorabilia pignorati dalla Danceandlove, nota società di produzione torinese fondata dal famoso dj Gabry Ponte. La vicenda risale al 2015 quando, in seguito alla chiusura della discoteca riccionese per la morte di overdose di Lamberto Lucaccioni, il dj torinese non sarebbe stato pagato dalla proprietà del locale. Un debito da 200mila euro che, non potendo essere saldato con la garanzia dei muri della discoteca, aveva visto i creditori puntare ai marchi famosi in tutto il mondo. Secondo l'attuale proprietà del locale sulla collina riccionese, a Ponte sarebbe stato già versato oltre il 50% di quanto dovuto e sono in corso el trattative per evitare che i brand finiscano all'asta.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Molotov contro un bar di piazza Malatesta, arrestato l'autore dell'incendio

  • Cronaca

    "A Rimini lascio il cuore certo di aver dato il meglio per la città"

  • Cronaca

    Il vescovo Francesco Lambiasi dimesso dall'ospedale dopo l'incidente

  • Sport

    Calcio, non c'è pace per il Rimini. Esonerato Martini. Ecco il quarto mister

I più letti della settimana

  • Tremendo frontale, in condizioni disperate un bambino presente a bordo

  • Il bimbo non ce l'ha fatta, morto dopo quattro giorni di agonia

  • Schiacciato dal camion, ciclista rischia l'amputazione di una gamba

  • Ristorante boicottato per razzismo: "Chiudo, non ne posso più, terrò aperto solo l'hotel"

  • Scoppia la tubatura, camion a rischio di ribaltarsi e hotel allagato

  • Carambola sulla Statale, due scooteristi centrati in pieno dall'auto

Torna su
RiminiToday è in caricamento