Collaboratore del ministro fa sparire oltre 400mila euro di fondi pubblici

Ricercato in tutto il mondo, l'uomo è stato individuato dalla Squadra mobile in un albergo di Viserbella

Foto archivio

Si è conclusa a Viserbella la latitanza di un 46enne bosniaco, già stretto collaboratore del ministro dell'Agricoltura Serbo, ricercato in tutto il mondo per un mandato di cattura internazionale emesso lo scorso agosto. L'uomo, ritenuto colpevole di associazione per delinquere e abuso d'ufficio, deve scontare una pena di 2 anni e 6 mesi di reclusione. Secondo quanto emerso, il 46enne nel suo ruolo di consigliere del ministero dell'Agricoltura ed esponente del Partito popolare del lavoro per il miglioramento, aveva messo in piedi un'articolato sistema per distrarre dei fondi destinati al sostegno finanziario per l'esportazione dei prodotti agricoli. 

Per il politico, secondo gli accertamenti della magistratura serba, ci sarebbe stato un guadagno personale di circa 26mila euro mentre tutti i componenti dell'associazione per delinquere avrebbero tratto un profitto di circa 419mila euro. Il 46enne, rintracciato nella mattinata di giovedì dal personale della Questura di Rimini, era ospite della struttura ricettiva. Quando gli agenti si sono presentati alla reception, hanno atteso che il bosniaco uscisse dalla stanza e, una volta identificato, lo hanno arrestato e portato in Questura. Al termine delle pratiche di rito, l'uomo è stato portato nel carcere dei "Casetti" in attesa dell'estradizione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stroncato da un malore durante la partita di calcetto muore a 28 anni

  • Risotto coi funghi velenosi: muore dopo una settimana di agonia

  • Il Cocoricò riapre le porte con un nuovo gestore: "Inaugureremo a Pasqua e ci saranno grandi eventi"

  • Valerio Braschi pronto ad aprire il suo ristorante: il campione di Masterchef cerca personale

  • Amazon a Santarcangelo, il colosso dell'e-commerce ha aperto i battenti

  • Il caffè troppo "nero" di un imprenditore: scoperta evasione per tre milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento