"Quelle strane coincidenze", Wuhan e Codogno vicini alla fiera del Sigep

Impazza sul web la tesi complottistica che vede le due città aver partecipato alla fiera del gelato di Rimini con gli stand nello stesso padiglione

A far notare lo strano punto di contatto tra Wuhan e Codogno è stata, sul web, Selvaggia Lucarelli che in un articolo su Tpi ha fatto emergere la curiosità. Dal 18 al 22 gennaio a Rimini, in occasione del Sigep, lo stesso padiglione della fiera ha ospitato sia un'azienda cinese, proveniente dalla città che è stata il focolaio del Coronavirus, sia delle ditte di Crema, Codogno, San Marino e Treviso. Tutte zone che, successivamente, hanno sviluppato i più forti focolai dell'epidemia. "Ora, è vero - scrive la Lucarelli - che potrebbe essere una coincidenza, ma in effetti nello stesso padiglione in cui c’è l’azienda di Wuhan ci sono anche aziende di Crema e Codogno con bizzarre vicinanze anche con aziende di San Marino e Treviso, due zone molto colpite dal Coronavirus. C’è anche da aggiungere che Rimini stessa ha registrato vari contagi già da febbraio". Nessuna prova, quindi, che quello sia stato il luogo dell’inizio dell’epidemia in Italia, ma "è innegabile che per un’eventuale indagine epidemiologica i tempi tornano e potrebbe essere una pista interessante" conclude la Lucarelli.

01-14-16

02-17

Ad attirare l'attenzione della Lucarelli è stato il padiglione B3, composto da 60 stand, fra cui compaiono Wuhan Huiyou Wood Products Co., Ltd, azienda che produce oggetti biodegradabili come cucchiaini e vassoi, quello di Crema “Il punto italiana di Nanni Franco” e la “Pomati Group srl” di Codogno. Non va dimenticato che il lockdown di Wuhan è stato avviato soltanto il 23 gennaio, quindi proprio il giorno successivo alla chiusura della fiera. Nello stesso padiglione dove era presente l’azienda della provincia cinese di Hubei anche la “Cesarin Spa” del veronese e diverse altre del Nord (Torino, Varese, Milano, Schio, Legnano), ma anche del Sud. Nel padiglione adiacente, molto vicino allo stand della “Wuhan Huiyou Wood Products Co.”, che si trovava in prossimità della porta che collegava le due aree, “La torrefazione Sammarinese” di San Marino.

Come riportato dalla stessa giornalista, alla richiesta di informazioni di Lucarelli risponde un’impiegata della Pomati: «A quella fiera siamo stati in tanti qui di dell’azienda di Codogno, almeno una decina di persone. C’era tantissima gente, avevamo solo il tempo di andare nel bagno, che era dentro al padiglione». Non distante dallo stand di Wuhan, ancora, diverse aziende trevigiane tra cui “Alphatech” di Vittorio Veneto, la “Steelco”, la “Vito Italia”, la “Imesa” e altre. La titolare Giovanna Pomati dell’azienda di Codogno Pomati racconta: "Io e i miei ragazzi a gennaio eravamo lì, ma mi creda, non abbiamo avuto neppure il tempo di guardarci intorno tanta era la ressa. Gli unici punti di possibile contatto con persone di altri stand erano il bagno e il bar del padiglione. Tutto è possibile certo, ma noi che eravamo lì non ci siamo ammalati. Potremmo essere stati asintomatici, certo, e riconosco che il caso sia curioso, ma non eravamo neppure l’unica azienda di zona presenti a quella fiera".

In una nota stampa Italia Exhibition Group ha poi dichiarato che "La notizia che circola in queste ore di una vicinanza fisica fra due spazi espositivi predisposti da aziende con ragione sociale in Cina e nel nord Italia all’ultima edizione di SIGEP di Rimini corrisponde al vero. Così come corrisponde al vero che a gennaio la stessa vicinanza fisica si è registrata in decine di altre fiere, in aeroporti, treni e innumerevoli posti di aggregazione. Il SIGEP è terminato il 22 gennaio. Il paziente zero si è registrato a Codogno quattro settimane dopo. Un po’ lunga come incubazione".  

"Siamo al delirio. Si tratta di una fiera di migliaia di metri quadrati, con tanti padiglioni e oltre 60 attività presenti in quello stesso padiglione. Noi ci fidiamo della scienza medica che sta effettuando indagini epidemiologiche. Queste sono teorie fantasiose e anche poco rispettose: vengono tirate in ballo in modo immotivato realtà che, da oltre un mese, stanno lavorando per mantenere posti di lavoro per i dipendenti e contratti". Lo afferma all'Adnkronos il sindaco di Codogno, Francesco Passerini. "Fare la caccia all'untore è una cosa brutta e non rispettosa per un territorio che ha subìto la chiusura delle aziende prima che venissero chiuse in tutta Italia - sottolinea Passerini - Ormai sono cinque settimane che le imprese stanno facendo miracoli, sono eccellenze a livello nazionale: buttare dubbi e fango non fa bene". Per il sindaco non bisogna "creare confusione, additando cittadini, squadre di calcio, attività produttive, che nulla hanno fatto se non ritrovarsi al centro di un'emergenza". L'unica cosa che mi pare finora acclarata, conclude il primo cittadino, è che "il virus circolava in Lombardia da tempo e solo grazie ai medici di Codogno è stato individuato il 'paziente' 1".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Lavoro stagionale, le figure più ricercate e i consigli dei Centri per l'impiego

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

  • Contributi a fondo perduto per migliorare e modernizzare negozi, bar e ristoranti

  • Covid-19, altri 19 guariti. Cinque nuovi contagiati: i positivi totali sono 163

  • Cade da un'impalcatura e impatta dopo un volo di 5 metri: grave un operaio

Torna su
RiminiToday è in caricamento