Crollo della rupe di San Leo, riconoscimento dei danni ai privati

L'episodio del 27 febbraio 2014 rientra fra le 5 calamità regionali riconosciute in Emilia Romagna

Si è svolta martedì, presso il Municipio di San Leo, la riunione con gli evacuati relativi al crollo della rupe di San Leo del 27 febbraio 2014. Nel dettaglio i nuclei interessati sono 6, principalmente i 5 riconducibili al crollo rupe di San Leo di febbraio 2014 ed uno riconducibile ad un distinto fenomeno franoso accorso nel 2015, in frazione Poggio Peggio. Entrambi gli episodi sono ricadenti fra le 5 calamità regionali riconosciute in Emilia Romagna.
L’incontro segue l’emissione di avviso pubblico a valere sulle indicazioni contenute nell’attesa ordinanza 374 del 16/08/2016 della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Gli interessati hanno tempo fino al 29 settembre per compilare la loro richiesta ufficiale, nelle modalità illustrate nel corso della riunione, alla luce dell’incontro tecnico tenutosi a Forli mercoledì scorso.
 
“L’incontro - ha spiegato il sindaco di San Leo, Mauro Guerra - era necessario per chiarire agli interessati ed ai loro tecnici alcuni dubbi interpretativi sull’iter,  inedito per tutti noi, di riconoscimento del danno. Nel corso dell’incontro sono emerse altre necessità di approfondimenti,  raccolte in una specifica richiesta di delucidazioni da inviare all’Agenzia di Protezione Civile Emilia Romagna ed altri referenti. L’Amministrazione comunale ha ribadito il fatto di essere continuamente a completa disposizione degli evacuati, giustamente tuttora emotivamente provati,  come avvenuto fin dal 27 febbraio 2014, affinché si possa giungere, al netto della tremenda esperienza, alla migliore soluzione possibile della delicata vicenda. Quale primo cittadino, ho ringraziato coloro che hanno permesso di giungere a compilare le “carte” di riconoscimento del danno ai privati, riconoscendo la serietà della filiera istituzionale impostata all’indomani del crollo e  sottolineando che – purtroppo - altre calamità naturali che hanno contraddistinto il bel Paese, non sempre hanno registrato epilogo quale quello che invece si sta opportunamente profilando”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vittima dei truffatori: "Mi sono fatto fregare da una banda di quaquaraquà"

  • Il suo cuore si spegne davanti agli occhi degli amici: muore a 22 anni

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta davanti al ristorante

  • Coronavirus, i contagi tornano a salire: 12 nuovi casi

  • Schianto tra due centauri, uno si "infila" nella cuspide piena d'acqua

  • Colpo al traffico di "bianca": arrestato pusher con più di 300 grammi di cocaina

Torna su
RiminiToday è in caricamento