Decreto Salva Italia sopprime le province, Vitali: "Impegno finché ci siamo"

"E' chiaro che se dalle verifiche sulla costituzionalità e dall'iter parlamentare non scaturissero modifiche al provvedimento, ciò comporterà in primis una revisione sensibile della proposta di bilancio 2012 e del piano triennale degli investimenti"

Rassegnazione, ma anche una spinta a dare il meglio nel rispetto della comunità. E' il senso della lettera che il presidente della Provincia di Rimini Stefano Vitali ha inviato ai dipendenti della Provincia di Rimini. Inevitabile l'agitazione, da parte dei dipendenti, per l'accelerazione del processo di soppressione delle Province, che rischia di lasciare a metà molti importanti progetti, dopo il varo della decreto 'Salva Italia'

Ai dipendenti e collaboratori Provincia dice Vitali: “Non posso che augurarmi, e credo che questo debba valere per tutti i cittadini italiani, che l’azione del Governo Monti porti il nostro Paese fuori dal rischio di una crisi potenzialmente gravissima. Faccio invece fatica a trovare ragionevole, e utile all’Italia, il provvedimento previsto nella manovra finanziaria che verrà sottoposta al voto del Parlamento e che anticipa il processo di cancellazione delle Province. Si tratta di un provvedimento ancora in itinere e che si presta a dubbi sulla sua legittimità costituzionale”.

E ancora: “E si tratta, in ogni caso, di un provvedimento di attuazione di straordinaria complessità dovendo allocare funzioni, personale, partecipazioni, patrimonio e così via. Credo che l’atteggiamento più giusto sia quello di attendere che il quadro sia più compiuto prima ancora di farsi prendere da, peraltro più che umani e comprensibili, sentimenti e ragionamenti che guardino anche al proprio futuro personale e professionale. Vi chiedo, pur comprendendo la difficoltà del momento, di continuare ad operare facendo leva il più possibile sul senso di responsabilità personale e di rispetto per i cittadini della nostra comunità. E altrettanto vi garantisco da parte del sottoscritto”.

“Le prossime ore e i prossimi giorni- prosegue il presidente Stefano Vitali- saranno decisive per capire se saranno confermati tempi e modi di un processo che ha implicazioni reali su molteplici piani. Penso, a semplice titolo esemplificativo, al tema delle partecipazioni alla gestione di alcune funzioni strategiche, all’assegnazione dei beni mobili e immobili. E’ chiaro che se dalle verifiche sulla costituzionalità e dall’iter parlamentare non scaturissero modifiche al provvedimento, ciò comporterà in primis una revisione sensibile della proposta di bilancio 2012 e del piano triennale degli investimenti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insieme nella vita e nel lavoro, marito e moglie riaprono il supermercato in via della Fiera

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

  • Tenta il gesto estremo sui binari del treno, salvata appena in tempo dai carabinieri

  • Il programma Melaverde fa tappa in Romagna tra ristoranti e tour in collina

  • Investe una donna con i suoi tre cani sulle strisce pedonali e scappa: è caccia al pirata

Torna su
RiminiToday è in caricamento