Residente in Italia da anni guida auto con targa straniera, scatta multa e sequestro

Nei guai per essere stato pizzicato al volante alla guida della vettura della madre residente all'estero

E' incappato nelle maglie del Decreto Sicurezza un automobilista fermato, nella mattinata di domenica, dagli agenti della polizia Municipale a Misano. L'uomo, infatti, pur essendo residente in Italia da oltre 20anni è stato sorpreso al volante di una vettura con targa francese. Gli accertamenti degli agenti hanno permesso di scoprire che il veicolo era intestato alla madre dell'automobilista, residente all'estero. In base alle nuove norme, che impongono a chi risiede in Italia da oltre 60 giorni di non circolare con veicoli con targa straniera, al guidatore è stato contestato un verbale da saldare immediatamente e il sequestro del veicolo per 180 giorni. Per tornare a circolare, l’auto dovrà essere immatricolata in Italia o riportata nel paese d’origine con un foglio di via. In caso contrario scatterà la sua confisca, ovvero, l’auto sarà persa per sempre. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Gambalunga in festa, il sindaco: "Biblioteca è una piazza, antidoto all'algoritmo e alla bestia"

  • Cronaca

    Spaccata nel negozio di marijuana legale, in "fumo" tutta la merce

  • Cronaca

    Dinner in the sky, dopo lo stop atteso il via libera della commissione

  • Cronaca

    Incidente tra auto e scooter, ad avere la peggio il centauro

I più letti della settimana

  • Gruppo di baby calciatori a Rimini per un torneo "festeggia" la Pasqua in ospedale

  • Squadra di baby calciatori in ospedale, individuato il virus che ha colpito i ragazzini

  • Si schianta contro un'auto sull'Adriatica: motociclista in gravi condizioni

  • Pace fiscale: pochi giorni per ottenere la falcidia dei debiti Equitalia

  • Ordinanza balneare 2019: stop a sigarette, plastica e cani sulla battigia

  • Mancano le autorizzazioni, salta l'inaugurazione del Dinner in the sky

Torna su
RiminiToday è in caricamento