Difesa della costa, partiti dalla zona sud di Riccione i lavori di ripascimento

Dai primi camion verranno sbancati 4.000 metri cubi, cui faranno seguito, negli step successivi, quantitativi diversi, pari a ulteriori 3 - 4.000 e 5.000 metri cubi

Sono iniziati martedì mattina, dalla zona sud di Riccione ai confini con Misano Adriatico, i lavori di ripascimento dell’arenile. Con l’apporto di circa 19.000 metri cubi di nuova sabbia si avrà la possibilità di avere a disposizione una spiaggia più ampia per i turisti e gli operatori balneari. Dai primi camion verranno sbancati 4.000 metri cubi, cui faranno seguito, negli step successivi, quantitativi diversi, pari a ulteriori 3 - 4.000 e 5.000 metri cubi. Si tratta di un massiccia iniezione di sabbia per la zona sud, frequentemente soggetta a fenomeni erosivi. I restanti 6-7.000 metri di sabbia fungeranno da scorta per essere impiegati in eventuali interventi di ricarica o di emergenza degli stabilimenti balneari durante l’estate.  

"A seguito del proficuo incontro avuto le scorse settimane con i responsabili dei Servizi tecnici di difesa della costa della Regione - afferma l’assessore al demanio Andrea Dionigi Palazzi - quest’anno abbiamo il doppio della sabbia utilizzata per la difesa della costa rispetto allo scorso anno. Entro Pasqua la spiaggia verrà rimpinguata e allungata, così da garantire la migliore fruizione possibile con l’arrivo delle temperature più miti e della bella stagione".

"Medesima attenzione per la zona nord del porto canale che verrà interessata dai lavori di stesura della sabbia prelevata dal sabbiodotto all’imboccatura del porto canale e adeguatamente ridistribuita - viene aggiunto -. In questo modo anche le zone più soggette ai fenomeni di mareggiata saranno preventivamente rafforzate, a favore delle attività economiche interessate quali bar, ristoranti, alberghi e bagnini. Mi piace sottolineare che è iniziato un percorso programmatico, con monitoraggi periodici e interventi inseriti in una logica più ampia, attraverso cospicui lavori di riqualificazione: a fine estate sono previsti interventi sui sacchi di sabbia delle barriere sommerse e, durante tutto l’anno, prosegue e si amplia il progetto dei moduli sommersi Wmesh".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Rimini il primo caso di contagio in Romagna

  • Coronavirus a Rimini, il malato un cacciatore cattolichino rientrato da una battuta in est Europa

  • Positivo al Coronavirus, scatta la quarantena per chi è venuto a contatto col cattolichino

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, prevenzione e modalità di trasmissione

  • Il ristoratore malato di Coronavirus era rientrato in Italia da pochi giorni

Torna su
RiminiToday è in caricamento