Dopo il terremoto scattano i controlli nelle scuole riminesi

I tecnici al lavoro per verificare l'assenza di danni nelle strutture del patrimonio edilizio scolastico

E’ stata attivata immediatamente la macchina dei controlli specificatamente focalizzata al patrimonio edilizio scolastico comunale dopo l’evento sismico che, qualche minuto passata la mezzanotte, si è manifestato 11 km a est di Ravenna a una profondità di 25 km, avvertito dal Veneto alle Marche, a Bologna ed anche sul territorio riminese. Non sono segnalati al momento criticità o danni. E’ il quadro rassicurante che emerge dai riscontri di prima mattina a cui faranno seguito le ricognizione programmate da parte delle squadre già predisposte di tecnici comunali e di Anthea che saranno completate nelle prossime 24 ore. Sopralluogo di prima mattina anche nei plessi scolastici di Riccione da parte dell’assessore ai lavori pubblici Lea Ermeti e dei tecnici comunali. Dalle ricognizioni effettuate non si segnalano danni a persone o cose. I controlli proseguiranno anche nelle prossime ore.

49898925_276306956395459_3230584454846087168_n-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, prevenzione e modalità di trasmissione

  • Vent'anni fa l'arrivo dal Senegal, la sfida di Sonia: "Apro la mia trattoria romagnola"

  • Emergenza coronavirus al Nord: il prefetto di Rimini convoca un vertice con i sindaci

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

  • All'urlo di "Coronavirus" si scaglia contro le auto in corsa armato di coltello

Torna su
RiminiToday è in caricamento