Duplice stupro, il branco è giovanissimo: presi tre su quattro. Due fratelli confessano

Due si sono costituiti, mentre un terzo è stato fermato dal personale del Servizio centrale operativo della Polizia di Rimini.

Tre su quattro sono nelle mani delle forze dell'ordine. Sono giovanissimi i componenti del "branco" responsabile del duplice stupro di una settimana fa a Miramare ai danni di una 26enne polacca e di un trans. Due si sono costituiti, mentre un terzo è stato fermato dal personale del Servizio centrale operativo della Polizia di Rimini. Due fratelli marocchini, di 15 e 16 anni, si sono presentati sabato pomeriggio ai carabinieri di Montecchio di Pesaro, un paese della Valfoglia dove avrebbero residenza, dichiarandosi colpevoli. Gli investigatori stanno verificando le dichiarazioni rilasciate dai due ragazzi, trasferiti poi da Pesaro alla Procura di Rimini per essere sottoposti a interrogatorio alla presenza del pm che coordina le indagini e di un magistrato del tribunale dei minori di Bologna.

Il video degli arresti

I due fratelli avrebbero deciso di presentarsi dopo la diffusione sui media dei video acquisiti dalle telecamere di sorveglianza della zona dello stupro, che avevano consentito agli investigatori di conoscere il volto dei ricercati, riconosciuti dalle vittime. Si sono sentiti messi alle strette e si sono consegnati. Entrambi avrebbero ammesso il loro coinvolgimento, ma non si sa se si siano addossati la responsabilità oppure se abbiano cercato di scaricarne soprattutto sui due presunti complici, anche loro gravitanti nel pesarese. Nel giro di poche ore è poi finito nella rete della polizia di Stato un terzo giovane, anche lui minorenne e residente nel pesarese. Si tratterebbe di un 17enne nigeriano che è stato portato in Questura a Rimini dove è stato fotosegnalato e messo a confronto con il transessuale peruviano, vittima della seconda violenza sessuale. Al termine degli accertamenti negli uffici di corso d'Augusto, il ragazzino è stato poi portato in Procura per essere interrogato insieme ai due fratelli marocchini.

Al momento, quindi, all'appello manca il quarto componente delle banda di stupratori che gli inquirenti ritengono essere anche il capo del gruppo. Si tratta di un congolese 20enne che, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe in fuga all'estero. Il giovane, infatti, starebbe tentando di raggiungere le Francia per sfuggire alle manette. All'arrivo del nigeriano, davanti alla Questura di Rimini si è radunato un capannello di persone e, in molti, hanno urlato il loro sdegno nei confronti dell'arrestato. "Servirebbe la pena di morte" ha urlato una madre mentre, altri, hanno agurato al ragazzino di fare la stessa fine delle sue vittime e, altri ancora, hanno fatto partire una bordata di insulti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini

Gli inquirenti stanno indagando anche su un'aggressione in spiaggia avvenuta Pesaro il giorno dopo quella di Rimini. Anche in quel caso, una coppietta che si era appartata nella spiaggia del Sacro Cuore, su un lettino, era stata circondata da tre uomini, che i ragazzi hanno descritto di colore. In pochi attimi i tre hanno rapinato i cellulari della coppietta tentando di inseguire i ragazzi, che nel frattempo erano scappati urlando. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

  • Trucca lo scontrino per pagare meno la spesa, denunciato per truffa

  • Grave incidente nella notte, un ferito ricoverato in Rianimazione

  • Sacerdote riminese allontanato dalla diocesi, su di lui indagine per droga e pedopornografia

  • Nuovi casi di Covid-19 tutti asintomatici, decisa regressione dell'epidemia

  • Covid-19, altri 19 guariti. Cinque nuovi contagiati: i positivi totali sono 163

Torna su
RiminiToday è in caricamento