Estradato in Italia lo "scafista" ritenuto responsabile della tratta di esseri umani

Irfan Ali, 33enne pakistano arrestato in Grecia il 30 ottobre scorso, ritenuto responsabile della morte di Hussain Maalik ritrovato cadavere a Montalbano

E' stato estradato in Italia, scortato dagli uomini del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia della Criminalpol, Irfan Ali il 33enne pakistano, arrestato in Grecia il 30 ottobre scorso e accusato di essere il responsabile della morte di Hussain Maalik ritrovato cadavere a Montalbano nel settembre dello scorso anno. Lo straniero è accusato di aver gestito una tratta di esseri umani e, sfrutando il suo lavoro di camionista addetto al trasporto di cavalli nei vari concorsi ippici che si svolgevano in Italia, li stivava negli anfratti dei mezzi peanti per farli arrivare nel nostro paese. Il pakistano era stato arrestato su mandato del Gip del Tribunale di Rimini che aveva firmato l'ordinanza di custodia cautelare in carcere. La latitanza all’estero era stata fermata dalla polizia sulla base delle indagini e dei riscontri effettuati dall’Arma di Riccione e coadiuvata nella penisola balcanica dalla Seconda Divisione Interpol dello SCIP e dall’Ufficio dell’Esperto per la Sicurezza di stanza ad Atene. Ali è atteso nella caserma della Perla Verde per la serata di martedì e, nei prossimi giorni, sarà interrogato dal Gip.

Il disperato messaggio di Maalik prima di morire

Gli accertamenti dei carabinieri avevano permesso di scoprire che il corpo di Hussain Maalik, 26 anni, era nel fossato di Montalbano dalla metà di agosto e la stessa autopsia aveva confermato che la data del decesso era compatibile con quel periodo. Il forte eco mediatico avvenuto dopo il ritrovamento aveva poi spinto due signori pakistani provenienti dalla Grecia a presentarsi presso i carabinieri sostenendo di essere rispettivamente il padre e il cugino della vittima, Hussain Maalik, raccontando che faceva l'allevatore di ovini nella regione greca dell'Attica. Il giovane 26enne, secondo il racconto dei parenti, avrebbe voluto entrare in Italia.

Sempre secondo i parenti, la vittima era entrata in contatto con dei trafficanti di esseri umani che dietro il pagamento di 5mila euro avrebbero potuto organizzare il viaggio. I due malviventi, che operavano nel trasporto di cavalli da corsa, erano specializzati proprio nel nascondere gli stranieri sul van degli animali e fargli attraversare i confini. A raccontare la vicenda ai parenti era stato lo stesso Hussain raccontando loro che sarebbe partito il 25 agosto del 2018. Il prelievo del dna ha poi permesso di effettuare i riscontri del caso e, quindi, dare un nome ai poveri resti confermando la versione dei parenti del 26enne.

Le indagini dei carabinieri sono così proseguite sulla base del racconto dei parenti della vittima e, grazie al numero di cellulare di Hussain, si è potuto ricostruire la sua rete di telefonate. Allo stesso tempo, è stato accertato che nel centro ippico di San Giovanni in Marignano si era tenuto un concorso ippico dove vi avevano partecipato alcuni stallieri pakistani che erano entrati in contatto con la vittima. L'inchiesta ha poi fatto emergere che i contatti tra i trafficanti di esseri umani e gli aspiranti clandestini avvenivano attraverso i social network e, allo stesso tempo, durante il viaggio venivano nascosti nei camion per il trasporto dei cavalli tra le balle di paglia.

Il viaggio di Hussain è stato tracciato dai carabinieri grazie ai segnali del cellulare che, alla fine, si sono interrotti a San Giovanni in Marignano. Allo stesso tempo, sono stati individuati altri stranieri clandestini che, come la vittima, erano arrivati in Romagna seguendo lo stesso percorso. Un viaggio di 3 o 4 giorni che, per chi si imbarcava coi trafficanti, veniva trascorso stipati in un angolo del camion tra i cavalli e le balle di fieno. Grazie al loro racconto è stato possibile rintracciare sia il van, che nel frattempo era a un concorso ippico ad Arezzo, che le cause del decesso di Hussain avvenuto per asfissia. Dagli accertamenti, inoltre, è emerso che la vittima bloccata nel camion aveva cercato disperatamente di contattare il guidatore quando ha iniziato a sentirsi male. Con un Whatsapp vocale aveva chiamato il guidatore del camion dicendo "Io sto morendo qua, non lo so. Fratello Ifran dove sei?".

Ad essere indicato come il trasportatore di esseri si è così scoperto che si trattava di Alì Irfan, pakistano 33enne, che arrivato a San Giovanni in Marignano ha trovato il corpo del 26enne. Spaventato, quindi, si è disfatto del cadavere gettandolo nel fosso di Montalbano dove è stato poi ritrovato dai carabinieri. Sarebbero almeno 5 gli stranieri che, con lo stesso metodo, sono arrivati in Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temperature in picchiata, arriva la prima nevicata della stagione

  • Aggressione sessuale nell'ascensore di una clinica medica: paura per una ragazza

  • In migliaia all'assalto di 38 posti di lavoro: boom di domande per il concorso

  • Armato di pistola svaligia il distributore di benzina all'ora di chiusura

  • Truffa sulle assicurazioni online, l'allarme della Polizia dopo aver fermato un'altra auto con polizza falsa

  • Weekend tra presepi, mercatini, la Fiera di Santa Lucia, i Queen Tribute ed i 100 anni di Fellini

Torna su
RiminiToday è in caricamento