Evade durante il permesso premio, latitante catturato dalla Squadra mobile

La nostalgia di casa è stata fatale al malvivente che è stato rintracciato a Rimini dagli inquirenti

Il personale della Squadra mobile della Questura di Rimini, nella serata di domenica, ha rintracciato e arrestato un evaso. Il malvivente, un 64enne riminese, era detenuto presso il carcere di Ferrara in quanto doveva scontare una pena detentiva fino al 2027 quando, lo scorso 28 aprile, aveva beneficiato di un permesso premio al termine del quale non era rientrato in cella facendo perdere le proprie tracce. L'uomo era stato condannato per una lunga serie di reati contro il patrimonio, in particolare era specializzato in truffe ed intestazioni fittizie. Originario di Rimini, città dove vivevano i suoi genitori, aveva raccontato di trascorrere il permesso premio in città ma, dopo non aver fatto ritorno al carcere, l'appartamento era stato controllato e si era scoperto che i famigliari del 64enne erano deceduti da tempo. Gli indizi raccolti, però, avevano fatto sospettare che, almeno per qualche giorno, l'evaso era stato li per poi fuggire all'estero presumibilmente in Francia.

Non escludendo che, prima o poi, l'uomo sarebbe tornato a Rimini, la casa è stata comunque tenuto sotto controllo e, domenica sera, il personale della Mobile ha notato un individuo che si aggirava nei pressi e che corrispondeva alla descrizione del malvivente. Gli agenti sono così entrati in azione e, dopo ripetuti tentativi di suonare al campanello, sono entrati nell'appartamento sorprendendo il 64enne. Alla vista dei poliziotti, l'evaso ha tentato di nascondersi ma è stato bloccato e ammanettato. Portato in Questura per gli accertamenti di rito, l'uomo è stato poi accompagnato nel carcere riminese dei "Casetti".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresa al ristorante: arrivano gli ospiti di 'Ballando con le Stelle'

  • Spaccata nella boutique, razzia di costosi capi di abbigliamento e borse griffate

  • La gelosia e i maltrattamenti dietro il feroce pestaggio di Sant'Andrea in Besanigo

  • Insieme nella vita e nel lavoro, marito e moglie riaprono il supermercato in via della Fiera

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

Torna su
RiminiToday è in caricamento