Famiglie povere: ecco come richiedere un nuovo sussidio economico

La possibilità di presentare le domande che, a differenza dei bandi più tradizionali, non avrà una scadenza

E' iniziata la raccolta delle domande ai Servizi sociali comunali per l’erogazione di un nuovo sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate che cambia radicalmente il rapporto tra chi ha effettivamente bisogno d’aiuto e le istituzioni deputate. Il Sostegno per la inclusione attiva (Sia) è infatti la nuova misura di contrasto alla povertà introdotta dalla legge di Stabilità, un aiuto a superare la condizioni di povertà e a riconquistare l’autonomia tramite un progetto personalizzato, finalizzato al reinserimento lavorativo e all’inclusione sociale attraverso con un percorso di attivazione lavorativa. Un vero e proprio patto tra famiglia e servizi, che diviene condizione ineludibile per la fruizione del beneficio, per l'avvio di un percorso di attivazione personale, sociale e occupazionale in grado di aiutare le famiglie in particolari condizioni di disagio economico partendo delle reali caratteristiche individuali.

La possibilità di presentare le domande che, a differenza dei bandi più tradizionali, non avrà una scadenza. Per quanto riguarda il Comune di Rimini, informazioni e approfondimenti sono scaricabili all'indirizzo web http://www.comune.rimini.it/sites/comune.rimini.it/files/avviso_sia_distretto_0.pdf o possono essere richiesti al numero telefonico 0541/704689. Le domande per i sussidi si raccoglieranno presso la sede dei Servizi Sociali di via Brighenti negli orari di ricevimento del pubblico, allegando la documentazione richiesta dal bando.

Sul bando anche i requisiti necessari sia per il richiedente, che deve essere cittadino italiano, comunitario, ovvero familiare di cittadino Italiano o comunitario non avente la cittadinanza di uno Stato membro che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, che per il nucleo familiare in cui deve essere presente un componente di età minore di anni 18, oppure di una persona con disabilità e di almeno un suo genitore; oppure la presenza di una donna in stato di gravidanza accertata.

Particolari condizioni sono richieste anche per la condizione economica del nucleo familiare. Tra le novità introdotte anche l’utilizzo di una carta elettronica, la “Carta elettronica di pagamento Sia” su cui sarà accreditato il beneficio concesso bimestralmente e con cui sarà possibile effettuare acquisti, nei supermercati ad esempio, ma anche pagare le bollette delle utenze. L’ammontare dei benefici variano a seconda della composizione del nucleo familiare e prevedono, mensilmente, 80 euro per un membro, 160 per due, 240 per tre, 320 per quattro, 400 per 5  o più membri

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ascensore precipita con le persone dentro: diversi i feriti

  • Muore sotto gli occhi del figlio, donna perde la vita investita da un'auto

  • La polizia di Stato si presenta alla festa abusiva nella villa in collina

  • Mitra e pistole, i rapinatori sequestrano i dipendenti della banca

  • Marquez-Rossi, clima infuocato a Misano. Lo spagnolo: "Io lotto per il Mondiale". La replica: "Mi ha ostacolato"

  • Vittorio Sgarbi promuove Gnassi, "lo avrei già nominato premier", e anticipa i progetti su Fellini

Torna su
RiminiToday è in caricamento