Si trova con la carta postepay prosciugata: inchiodato il truffatore telematico

Dall’immediata verifica attraverso il sito on-line delle poste italiane è emerso che dei malfattori avevano impropriamente utilizzato la sua “card” prelevando dalla stessa l’intera somma, per un importo pari ad euro 200

Ancora un truffatore internauta stanato dai Carabinieri di Novafeltria. Si tratta di un senegalese di 36 anni, residente in provincia di Catania, che è stato denunciato a piede libero con l'accusa di frode informatica. Le indagini sono iniziate in seguito alla denuncia sporta lo scorso dicembre da un giovane del posto. Quest'ultimo ha spiegato che, mentre era intento ad effettuare, tramite il servizio “postepay”, degli acquisti su siti dedicati di vendita on-line di telefonia, non era riuscito a perfezionare la compravendita in quanto il credito della tessera era nullo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dall’immediata verifica attraverso il sito on-line delle poste italiane è emerso che dei malfattori avevano impropriamente utilizzato la sua “card” prelevando dalla stessa l’intera somma, per un importo pari ad euro 200. Le indagini hanno permesso di identificare nel 36enne senegalese il responsabile della frode.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • Bagno in mare all'alba, una ragazzina muore annegata

  • Padre di famiglia cerca una lucciola ma si trova a letto con un trans, parapiglia nel residence

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

  • Suv tira dritto alla rotatoria, mamma e figlio in scooter centrati in pieno

  • Notte Rosa, svelate le anticipazioni sull'edizione 2020

Torna su
RiminiToday è in caricamento