Furti nelle case degli anziani, sgominata banda di donne nomadi

Il gruppo di rom aveva preso di mira l'entroterra a cavallo tra le Marche e la Romagna mettendo a segno una lunga serie di colpi

Sgominata dai Carabinieri una 'banda' di sei donne di origine rom responsabile di numerosi furti ai danni di persone anziane residenti in Urbino e in numerosi comuni del Montefeltro e dell'entroterra marchigiano. I militari della Compagnia di Urbino, insieme a quelli territorialmente competenti, hanno eseguito all'interno di un campo nomadi e di abitazioni private del riminese, sei ordinanze di misura cautelare nei confronti del sodalizio criminale composto dalle sei donne con cittadinanza italiana e di origine rom, ritenute responsabili di aver commesso i furti in appartamento ai danni di persone anziane, con successivo indebito utilizzo di carte di credito/pagamento.

L'operazione, rappresenta l'epilogo di un'articolata attività di indagine iniziata a settembre 2018 coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Urbino, ha permesso di interrompere una serie di reati, tra i più odiosi per la cittadinanza, in special modo durante il periodo delle ferie estive di ferragosto e con particolare riferimento alle persone anziane, che purtroppo in alcune circostanze rischiano di trovarsi indifese e maggiormente esposte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Metromare, ufficializzate le tariffe della tratta Rimini-Riccione

  • Sesso a tre col transessuale finisce a sassate, nei guai coppia di fidanzati

  • L'autobus fa salire i passeggeri alla fermata e una macchina lo tampona in pieno

  • Trasporto pubblico, gli autisti incrociano le braccia

  • Molestie sessuali ad una bimba di 4 anni, papà a processo accusato di pedofilia

  • Primo giorno di Metromare, la nostra prova con "metro" e auto a confronto: vantaggi e svantaggi

Torna su
RiminiToday è in caricamento