G20 delle spiagge, a Riccione focus su ambiente e sicurezza in vista del summit

Al via i lavori per preparare la seconda edizione dell'incontro tra le principali località balneari dell'Italia

“E’ stata una giornata di lavoro proficua che ha permesso agli amministratori presenti a Riccione, provenienti da varie parti d’Italia, di partecipare a 5 tavoli di lavoro tematici, centrali per lavorare ad un approccio metodologico con cui fare rete. Una opportunità in cui realtà accomunate dall’avere insieme grandi numeri sull’offerta turistica possono confrontarsi e soprattutto concretizzare esigenze su varie tematiche”. Così il sindaco Renata Tosi in occasione dei tavoli tecnici del G20s “ Il summit delle spiagge italiane” svoltisi stamane a Riccione in vista della seconda edizione, in programma a settembre, a Castiglione della Pescaia.

Dopo la firma del protocollo d’intesa al Senato dello scorso 8 maggio, è stato infatti convocata a stretto giro di posta un altro appuntamento con i 20 Comuni rappresentanti le spiagge più frequentate d’Italia aderenti al G20s e che insieme raggiungono oltre 62 milioni di presenze complessive. Concessioni demaniali e Direttiva Bolkestein, Fiscalità locale, Ambiente, Promozione e Sicurezza sono gli argomenti trattati dai gruppi di lavoro in vista della formulazione di proposte e azioni da presentare agli enti preposti a partire dal Governo. Tematiche che interessano le spiagge italiane maggiormente frequentate quali l’erosione marina e la tutela del mare, l’importanza dell’ambiente e della promozione dei territori e la sicurezza il cui tavolo è stato coordinato dal Comune di Riccione.

In base al protocollo siglato a Roma a seguito del primo documento elaborato a Bibione in cui si è svolto il primo incontro del G20s dei litorali, l’incontro odierno ha circoscritto gli ambiti da trattare. Sul versante sicurezza il sindaco Tosi ha sottolineato l’importanza di proseguire nel contrasto al commercio abusivo in spiaggia e alla necessità di avere presidi dedicati durante l’arco dell’anno. Per quanto riguarda l’ambiente, in particolare il mare, il sindaco Tosi ha ricordato l’importanza di tenere comportamenti responsabili a salvaguardia dell’’ambiente,a partire dalle giovani generazioni. A Riccione diverse scolaresche si sono avvicinate alla recente esperienza del Seabin, un dispositivo mangiaplastica installato al porto che aspira gli oggetti di plastica in acqua. Misure reali, e le tempo stesso educative, con le quali è sempre più fondamentale conviverci. 


 

Potrebbe interessarti

  • "L'ingresso della città tra incuria, degrado e inciviltà"

  • Bagno in mare dopo mangiato: quanto aspettare?

  • Alternative al Caffè: 9 sostitutivi energizzanti e salutari

  • L'appello di una famiglia : "Aiutateci a ritrovare Greta"

I più letti della settimana

  • Fioritura di alghe, il mare di Rimini si tinge di rosso

  • Frontale sulla Tolemaide, due motociclisti finiscono nel fosso

  • Santarcangelo, Amazon ufficializza l'apertura del nuovo deposito: in arrivo 120 posti di lavoro

  • Il folle inseguimento per le strade si conclude nel cuore dell'isola pedonale

  • Investita mentre attraversa lo svincolo, pedone in gravi condizioni

  • Torna in mare il "Brilla&Billy", lo yacht di Lucio Dalla per anni in darsena a Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento