Gianni Indino difende il Music Inside Festival: "un plauso alle forze dell'ordine"

Il Presidente della Confcommercio provinciale: "un successo nonostante la straordinaria attenzione di cui hanno goduto i fatti certamente gravi avvenuti durante le serate che hanno portato all'arresto di alcuni delinquenti"

Il Presidente della Confcommercio provinciale Gianni Indino traccia i primi bilanci a poche ore dalla chiusura del Music Inside Festival, il grande evento fieristico dedicato al mondo dell’intrattenimento notturno e del mercato professionale delle tecnologie che si è svolto a Rimini dal 7 al 9 maggio. “Ancora non siamo a conoscenza dei numeri realizzati dalla kermesse - commenta Indino - tuttavia è grande la soddisfazione raccolta da operatori e visitatori per il ritorno a Rimini di questo importante appuntamento che, nonostante fosse alla prima edizione, ha già fatto parlare di sé in tutta Europa. Le premesse ci sono tutte affinché questa importante manifestazione divenga punto di riferimento del settore a livello mondiale. La Fiera, cui vanno le congratulazioni per l’ennesimo ottimo risultato conseguito, ci crede, la Confcommercio ci crede, l’Amministrazione ci crede, la città ci crede. Sono invece estremamente dispiaciuto per l’accoglienza, se così posso dire, riservata agli eventi notturni che hanno animato il distretto fieristico durante il weekend. E non mi riferisco certamente ai giovani che, anzi, hanno mostrato di gradire il format innovativo proposto in quelle serate, come è ben testimoniato dall’affluenza di oltre quindicimila persone, quanto invece alla straordinaria attenzione di cui hanno goduto i fatti certamente gravi avvenuti durante le serate che hanno portato all’arresto di alcuni delinquenti.

"Tengo a sottolineare tra le altre cose - prosegue il Presidente della Confcommercio provincialeche gli eventi sono stati studiati a tavolino insieme alle Forze dell’Ordine in ogni minimo dettaglio in diverse riunioni tecniche, in cui sono state affrontate tutte le possibili criticità che si sarebbero potute verificare in merito alla salute e alla sicurezza delle persone e ai fenomeni di spaccio e uso di sostanze stupefacenti. Alla luce dell’enorme successo dell’iniziativa e degli arresti effettuati, mi sento di rivolgere alle Forze dell’Ordine un plauso per l’azione svolta, capillare, attenta ma discreta, che ha permesso di arrestare alcuni soggetti, ma soprattutto ha consentito lo svolgimento in sicurezza e nel rispetto delle leggi di eventi di così ampia portata. Come al solito, c’è chi preferisce guardare il dito anziché la luna, concentrando la propria attenzione sugli aspetti deteriori degli avvenimenti invece che apprezzarne la portata innovativa, il successo in termini mediatici e di pubblico e l’ottimo lavoro di squadra svolto. Il risultato che ne consegue è una rappresentazione distorta che non posso accettare. Si può fare di più e meglio? Sempre, e ci proveremo anche dalla prossima occasione. Intanto il mio consiglio è di smettere di guardare il dito e di godersi la luna che, anche grazie a questi eventi, continua a splendere sulle notti del divertimento di Rimini".

Potrebbe interessarti

  • Pulire i vetri: addio agli aloni su finestre e specchi

  • "Il parchetto di Miramare tra sbandati che bivaccano ed escrementi umani ovunque"

  • 9 trucchi per fare la valigia perfetta

  • Stop al sudore: come scegliere il deodorante giusto per la tua pelle

I più letti della settimana

  • Fulmine centra azienda agricola, vasto incendio nel deposito delle rotoballe

  • Investimento mortale sulla linea ferroviaria, stop ai treni sulla linea adriatica

  • Lui, lei e l'altro, il triangolo amoroso finisce con pugni e schiaffi nel parco

  • Perde il controllo e si schianta contro un albero, centauro deceduto sul colpo

  • A Miramare gli hotel dell'orrore: strutture in pessime condizioni igienico sanitarie

  • La moto finisce schiacciata sotto a un camion, due centauri feriti seriamente

Torna su
RiminiToday è in caricamento