Giulio Lolli accusato dalle autorità libiche di terrorismo

Dopo una serie di truffe ai danni di acquirenti di imbarcazioni di lusso, è detenuto nel carcere di Tripoli da novembre

Giulio Lolli, l'imprenditore bolognese noto per le truffe degli yacht, è stato accusato dalle autorità libiche di terrorismo. Per questo l'udienza a suo carico, davanti al Tribunale di Rimini è aggiornata e il processo sospeso in attesa del chiarimento delle vicende nel Paese africano. L'imprenditore della Rimini Yacht, fallita con un buco milionario dopo una serie di truffe ai danni di acquirenti di imbarcazioni di lusso, è detenuto nel carcere di Tripoli da novembre, quando fu prelevato dalla sua abitazione sotto gli occhi della moglie, da un gruppo di milizie governative. In un primo momento la Procura generale di Tripoli non aveva formalizzato accuse precise; in questi giorni invece una comunicazione agli atti nei fascicoli dei procedimenti riminesi specifica ciò per cui sarà giudicato, probabilmente da giudici libici: è accusato di terrorismo, cioè di aver dato supporto a un gruppo estremista separatista detto Shura di Bengasi, in lotta con l'autorità centrale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • Padre di famiglia cerca una lucciola ma si trova a letto con un trans, parapiglia nel residence

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

  • Scontro frontale tra due auto, 6 feriti. Mamma e figlia di 5 anni gravi al "Bufalini"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi nel riminese: quattro rientrati dall'estero

  • Positivo al Covid abbandona l'isolamento fiduciario e gira mezza Italia in treno

Torna su
RiminiToday è in caricamento