Il Comune di San Clemente interviene per la tutela del dialetto romagnolo

Il consiglio comunale ha concluso il proprio intervento a tutela della cultura dialettale romagnola impegnandosi a mettere in atto, nel rispetto dei propri poteri e competenze, tutte le istanze necessarie a mantenere accesa la cultura dialettale romagnola

Bei mesi scorsi la Regione Emilia Romagna ha abrogato la legge 45/94, norma che si occupava della tutela del dialetto e della cultura dialettale in genere, ma all''abrogazione di questa norma non è seguita una nuova legge. Il consiglio comunale di San Clemente ha quindi approvato, all'unanimità, una delibera con la quale l'ente richiede, alla Regione Emilia Romagna, di ristabilire celermente una legge in materia, in loco della legge 45/94, sensibilizzando gli uffici interessati perché una nuova norma venga non solo ristabilita ma che la stessa sia ancora più attuale e attuabile di quella appena abrogata, consentendo la tutela del dialetto e della cultura romagnola in maniera viva e moderna.

Una sensibilità, quella del Comune di San Clemente, che nasce dalle profonde tradizioni culturali che legano il Comune della Valle del Conca con la storia stessa del dialetto. San Clemente ha infatti dato i natali a uno dei figli più illustri della poesia romagnola, quel Giustiniano Villa, nato a San Clemente nel 1842, che ha impersonato un importante pezzo di storia della Romagna grazie a una produzione artistica e sociale nata certamente passeggiando per questa bella terra di Romagna, ammirando le sue bellezze, i suoi colli, i suoi profumi e i suoi colori.
Non è un caso che il premio sanclementese di poesia dialettale a lui dedicato, ormai punto di riferimento per gli amanti della cultura locale e che si tiene ormai da 22 anni, abbia portato alla produzione di centinaia di poesie ed opere dialettali e la presenza di altrettanti autori di qualità.

Il consiglio comunale ha concluso il proprio intervento a tutela della cultura dialettale romagnola impegnandosi a mettere in atto, nel rispetto dei propri poteri e competenze, tutte le istanze necessarie a mantenere accesa la cultura dialettale romagnola, ribadendo il particolare merito e spazio al grande poeta sanclementese “Giustiniano Villa” e a promuoverne la figura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sesso in strada durante la quarantena, individuato il trio di esibizionisti

  • Calano ulteriormente i nuovi contagi, meno ricoverati in terapia intensiva

  • Buoni spesa, come richiedere il contributo: 150 euro per ogni componente della famiglia

  • Lutto nella comunità di San Patrignano, si è spenta Maria Antonietta Muccioli

  • Borrelli allunga la quarantena fino al primo maggio: "Fase 2 forse dal 16"

  • Coronavirus, verso il blocco totale almeno fino a Pasqua: poi si valutano riaperture in "due fasi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento