Il giallo di Montescudo, sul teschio segno di pennarello

Potrebbero esser stato utilizzate per studi in medicina le ossa recuperate sabato mattina dai Carabinieri di Montescudo sotto un ponte ad Albereto sul torrente Budrio

Potrebbero esser stato utilizzate per studi in medicina le ossa recuperate sabato mattina dai Carabinieri di Montescudo sotto un ponte ad Albereto sul torrente Budrio. Sul teschio sono stati trovati segni di pennarello. Le ossa sono state trovate avvolte in carta scottex, con filamenti di paglia trasparente. Ad alimentare il giallo è il fatto che fossero avvolte in carta da giornale, per la precisione “Il Mattino” di Napoli risalente al 1988.

Le ossa sono spuntate improvvisamente, come se qualcuno le abbia messe lì a posta. A notarle è stata una passante che percorre quotidianamente la strada. Saranno le analisi a far chiarezza sui resti trovati.
 

Potrebbe interessarti

  • I 10 top ristoranti dove mangiare sano più 3 ristoranti esclusivamente Bio

  • "Il parchetto di Miramare tra sbandati che bivaccano ed escrementi umani ovunque"

  • Lavare le mani: i 7 momenti in cui è fondamentale per evitare infezioni batteriche

  • Caldo in auto: ecco come viaggiare freschi

I più letti della settimana

  • Doppia scossa di terremoto fa tremare la provincia

  • Tenta di salvare il figlio dal suicidio, l'anziano padre in gravi condizioni

  • Fiamme nell'ex discoteca abbandonata, all'interno trovati bivacchi di fortuna

  • Il Sole 24 ore incorona Rimini come capitale dell’italian lifestyle

  • Notte brava con trans e cocaina, pizzaiolo rapinato dopo il festino

  • Volano coltellate in due discoteche, una ragazza in prognosi riservata

Torna su
RiminiToday è in caricamento