Il giallo di Montescudo, sul teschio segno di pennarello

Potrebbero esser stato utilizzate per studi in medicina le ossa recuperate sabato mattina dai Carabinieri di Montescudo sotto un ponte ad Albereto sul torrente Budrio

Potrebbero esser stato utilizzate per studi in medicina le ossa recuperate sabato mattina dai Carabinieri di Montescudo sotto un ponte ad Albereto sul torrente Budrio. Sul teschio sono stati trovati segni di pennarello. Le ossa sono state trovate avvolte in carta scottex, con filamenti di paglia trasparente. Ad alimentare il giallo è il fatto che fossero avvolte in carta da giornale, per la precisione “Il Mattino” di Napoli risalente al 1988.

Le ossa sono spuntate improvvisamente, come se qualcuno le abbia messe lì a posta. A notarle è stata una passante che percorre quotidianamente la strada. Saranno le analisi a far chiarezza sui resti trovati.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Dipendente delle Poste accusata di aver ripulito i conti correnti degli utenti

  • Cronaca

    Stop al degrado in centro storico: divieto di consumare alcolici sulle strade

  • Cronaca

    Il furto di un giubbotto griffato non gli riesce, ladro pasticcione in manette

  • Incidenti stradali

    Affianca l'autobus nella rotatoria e rimane schiacciata contro il parapetto

I più letti della settimana

  • Ritrovato il cadavere della donna scomparsa a Novafeltria

  • Investimento mortale, bloccata la circolazione dei treni sulla linea adriatica

  • L'aspettavano in sala operatoria, scomparsa una 76enne: task force lungo il Marecchia

  • Schianto fatale per una donna di Bellaria-Igea Marina nel ravennate

  • Affianca l'autobus nella rotatoria e rimane schiacciata contro il parapetto

  • Il Consiglio comunale perde il suo faro: addio ad Anna Mazza, aveva solo 38 anni

Torna su
RiminiToday è in caricamento