Il sindaco Gnassi si complimenta con gli inquirenti per l'arresto del killer di via Coletti

Il primo cittadino di Rimini sull'omicidio di Makha Niang: "Un delitto bestiale di chi non vede davanti persone ma barattoli o sagome di legno verso le quali esercitare la propria abilità balistica"

Dopo l'arresto di Genard Llanaj, il 28enne albanese ritenuto dagli inquirenti essere il killer di via Coletti, il sindaco di Rimini ha voluto ringraziare gli investigatori dei carabinieri e della polizia di Stato per il lavoro svolto. “Si chiamava Makha Niang, lavorava e viveva a Rimini - ha commentato Gnassi. - Ho conosciuto i famigliari e gli amici all’indomani del suo assassinio che le indagini ascrivono adesso a ‘futili motivi’. Una buona persona, un ragazzo che cercava il futuro nella nostra città e allo stesso tempo non dimenticava chi stava a casa in Senegal. Il suo omicidio pare sia dovuto al caso, ma questo termine non vuole sminuire nulla, è una terribile aggravante. Fermo restando che sarà un processo a scrivere la verità definitiva sulla vicenda, quello che emerge dal prezioso lavoro di Procura e investigatori è un quadro circostanziato in cui l’assenza di ogni umanità si fonde alla superficialità, alla banalità del male assoluto. Sparare per provare l’arma, usare il ragazzo che lavorava e viveva a Rimini come un bersaglio per un tiro a segno, e ancora più tragico e insostenibile perché magari è diverso da te. Tutto qui. Un delitto bestiale nella motivazione, nel vuoto infinito di chi non vede davanti persone ma barattoli o sagome di legno verso le quali esercitare la propria abilità balistica. E’ un crimine che non può passare sotto silenzio, ma anzi interroga tutta la comunità riminese sulla ferocia di rapporti che non esistono, sul destino opposto di due uomini entrambi immigrati in Italia e nel Riminese: il ragazzo senegalese Makha Niang e l’altro, cittadino albanese in carcere, accusato di omicidio volontario aggravato ‘da futili motivi’. A ricomporre i quadri di questa terrificante storia di una modernità crudele e disumana, l’attività e i riscontri fondamentali della Procura di Rimini, di Carabinieri e Polizia, che voglio oggi ringraziare a nome dell’intera comunità riminese”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Lo spacciatore consegna a domicilio facendosi portare dal taxi

  • Cronaca

    Geloso della fidanzata che lavora nel night, cerca di dar fuoco al locale

  • Cronaca

    Controllati i frequentatori delle sale scommesse, quasi la metà erano pregiudicati

  • Sport

    Lontano dal "Neri" non si vince: il Rimini ko contro la Samb

I più letti della settimana

  • Camion danneggia il cavalcavia: Statale 16 Adriatica chiusa in entrambe le direzioni

  • Nell'ospizio degli orrori gli anziani lasciati senza cibo e nella sporcizia

  • Tragedia sulle strade, ciclista muore travolto da un mezzo pesante

  • Natale e Capodanno "bollente": le coppie cercano l'eros a Saludecio

  • La "collina degli orrori", scoperto ospizio dove gli anziani venivano maltrattati

  • Nella sua scuderia di lucciole anche moglie e sorella mandate in strada a prostituirsi

Torna su
RiminiToday è in caricamento