Incendio nel paddock di Jerez, modifiche al calendario di MotoE

Dopo il rogo che ha distrutto tutte le moto e le attrezzature non si sa quando partiranno le gare

Dopo il tremendo incendio, che nella notte tra il 13 e il 14 marzo ha devastato il paddock di Jerez mandando in cenere la struttura che ospitava i box e l’hospitality della nuova MotoE, ci sono forti dubbi sulla data d'inizio del campionato e per le successive tappe tra cui quella del 15 settembre al Misano World Circuit. Al momento è stata cancellata la prossima sessione di test prevista in aprile ma, dagli organizzatori, fanno sapere che il Mondiale non è a rischio, anche se il calendario, composto da 5 gare, subirà delle modifiche. Le uniche certezze sono che le gare non inizieranno il 5 maggio e che la tappa di Jerez uscirà dagli appuntamenti. I team, inoltre, hanno deciso di fare comunque una sessione di test prima dell’inizio del Mondiale. Per capire quale sarà il nuovo calendario serviranno almeno 3 settimane, mentre basterà aspettare 2-3 giorni per leggere il verbale del vigili del fuoco sulle cause dell’incendio.

Secondo quanto emerso all'indomani del rogo, l’incendio scoppiato intorno a mezzanotte sarebbe partito da una colonnina di ricarica della MotoE, un prototipo da testare proprio in questi giorni di test. L’intera struttura è andata in fiamme in poco tempo, distruggendo tutto: moto, caschi, tute e pezzi di ricambio. Fortunatamente non ci sono stati feriti. Dopo l'incendio, la FIM ha pubblicato un comunicato ufficiale sull'episodio: "La FIM ha appreso che nelle prime ore del mattino è scoppiato un incendio nell’E-Paddock del circuito di Jerez, provocando danni e perdite considerevoli, ma fortunatamente senza provocare feriti. L’assenza di feriti è la nostra preoccupazione principale, la sicurezza è la massima priorità. È in corso un'indagine per determinare la causa esatta dell'incendio, i risultati verranno pubblicati non appena l’indagine stessa sarà conclusa. Il Mondiale MotoE è una competizione nata dall'innovazione, alimentata al 100% da energia rinnovabile. Questa ambizione di evolversi e sperimentare nuove tecnologie porta con sé un rischio associato. Tuttavia, è possibile confermare che al momento dell'incidente non c’era nessuna moto in carica nell’edificio in cui è scoppiato l’incendio. Dorna si impegna a riportare la MotoE in pista il prima possibile, con lavori già in corso per iniziare la ricostruzione e la sostituzione di materiali e moto persi nell'incendio. La MotoE correrà nel 2019, sarà annunciato un nuovo calendario che subirà delle modifiche. Tuttavia, è possibile confermare che il Mondiale MotoE non correrà a Jerez in questa stagione".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La pioggia non ferma gli spettatori: in tanti sotto l'ombrello per il Giro d'Italia

  • Sport

    Giro d'Italia, impresa di Primoz Roglic sotto il diluvio. Nibali fa lo Squalo, crolla Yates

  • Politica

    Salvini contestato al Giro d'Italia: è "mistero" sullo striscione scomparso

  • Sport

    Moto3, Le Mans amara per il team Sic58. Vince McPhee, Migno nella top five

I più letti della settimana

  • Crolla la briglia a Ponte Verucchio, la piena dell'acqua procede senza freni: nessun pericolo a valle

  • Ritrovato il cadavere della donna scomparsa a Novafeltria

  • L'aspettavano in sala operatoria, scomparsa una 76enne: task force lungo il Marecchia

  • Il maltempo si abbatte sul riminese, alberi caduti e frane in movimento

  • Notte di paura in Valconca e Valmarecchia, fiumi esondati e frane

  • Schianto fatale per una donna di Bellaria-Igea Marina nel ravennate

Torna su
RiminiToday è in caricamento