Ciclista travolto sulle strisce pedonali muore dopo due settimane di agonia

Il cuore del 69enne ha smesso di battere mentre era ricoverato nel reparto di Rianimazione del "Bufalini" di Cesena

Il cuore di Renato Semprini, 69enne ex albergatore riminese, ha smesso di battere nel reparto di Rianimazione del "Bufalini" di Cesena dove era ricoverato dallo scorso 2 luglio in seguito a un grave incidente. Il decesso è arrivato dopo due settimane di agonia per le lesioni riportate nell'impatto con un'auto mentre, pare in sella alla sua bici, stava attraversando la strada sulle strisce ciclopedonali. Il sinistro si era verificato alla rotatoria tra la via Montescudo e la via Tirso, al Villaggio I Maggio, quando l'ex albergatore era stato centrato in pieno da un veicolo e, dopo essere stato caricato sul cofano, aveva sfondato il parabrezza dell'utilitaria per poi rovinare sull'asfalto. Soccorso dal 118, viste le sue condizioni era stato poi trasportato in eliambulanza nel nosocomio cesenate dove è avvenuto il decesso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccata nella boutique, razzia di costosi capi di abbigliamento e borse griffate

  • Insieme nella vita e nel lavoro, marito e moglie riaprono il supermercato in via della Fiera

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

  • Investe una donna con i suoi tre cani sulle strisce pedonali e scappa: è caccia al pirata

  • Banda del bancomat in azione, malviventi messi in fuga dai carabinieri

Torna su
RiminiToday è in caricamento