I residenti della Grotta Rossa infuriati per l'ennesimo grave incidente sulla Consolare

"Delusione e rabbia per la lentezza dimostrata dagli enti preposti verso  qualsiasi intervento per risolvere la pericolosità di questa intersezione"

Appena la scorsa settimana l’associazione La Grottarossa che Vorrei era tornata a lanciare un appello alle istituzioni per chiedere un intervento di messa in sicurezza all’incrocio tra via della Gazzella e la consolare per San Marino. In pochi giorni sono stati ben altri due gli incidenti avvenuti sempre alla stessa intersezione e, domenica sera, si è verificato il quarto sinistro grave che ha visto un agente della polizia Municipale venire centrato in pieno, mentre viaggiava sulla sua microcar, da un veicolo che ha "bruciato" il semaforo rosso. I responsabili della Associazione La Grottarossa che vorrei, vogliono esprimere nuovamente, a nome dei residenti, la "delusione e la rabbia per la lentezza dimostrata dagli enti preposti verso  qualsiasi intervento per risolvere la pericolosità di questa intersezione. Negli anni abbiamo più volte denunciato la pericolosità di questa strada e abbiamo richiesto la messa in sicurezza degli incroci per automobilisti, ciclisti e pedoni con particolare riguardo a detto incrocio anche perché  via della Gazzella è impropriamente utilizzata da veicoli come scorciatoia per evitare qualche semaforo. Ogni strada laterale, specialmente quelle lato Riccione della SS72 dagli anni 60 (anni in cui è stata costruita la strada, tagliando in 2 un quartiere) conta 1 o più morti e feriti. Chi è obbligato ad attraversarla quotidianamente rischia ogni volta, poichè gli automezzi arrivano nel rettilineo a forte velocità superando il limite dei 70 e passano col semaforo rosso. I suggerimenti dei cittadini sono tanti:, autovelox , cambiare l’alternanza dei semafori, rallentatori, dossi, T RED ecc., ma spetta a noi cittadini trovare le soluzioni? Non basta che segnaliamo i problemi? E’ inutile che il comune faccia le mappe dettagliate con gli incidenti stradali di tutti gli incroci di Rimini se poi non si utilizzano per metterli in sicurezza. ANAS un giorno farà le rotonde ed eliminerà tutti i semafori. Ma nel frattempo a quanti incidenti dovremo ancora assistere?"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Barba, capelli e cocaina: il barbiere a capo della banda di pusher

  • Cronaca

    Scoppia tubo dell'acqua nell'asilo, bambini costretti ad abbandonare le aule

  • Cronaca

    Un anno con la polizia Stradale: nel 2018 in calo gli incidenti

  • Cronaca

    Scoperto deposito di ricambi d'auto rubati, due nei guai per ricettazione

I più letti della settimana

  • Forte scossa di terremoto, il sisma avvertito in tutta la Romagna

  • Barba, capelli e cocaina: il barbiere a capo della banda di pusher

  • Anche mamme coi neonati si rifornivano di cocaina dai pusher della Valmarecchia

  • Souvenir della II Guerra Mondiale: in casa 100 mitragliatrici e decine di bombe e granate

  • Scippata nel Borgo San Giuliano, la vittima insegue il ladro e lo sperona in bici

  • Precipita dal quarto piano, 35enne si salva dalla caduta di oltre 12 metri

Torna su
RiminiToday è in caricamento