Italiano per extracomunitari. Oltre 33 mila gli stranieri in provincia

La Giunta della Provincia di Rimini ha approvato il "Piano territoriale provinciale di interventi finalizzati alla diffusione della lingua italiana per cittadini extracomunitari adulti"

La Giunta della Provincia di Rimini ha approvato il “Piano territoriale provinciale di interventi finalizzati alla diffusione della lingua italiana per cittadini extracomunitari adulti”. Obiettivo del Protocollo è quello di qualificare i soggetti che programmano, sostengono ed erogano corsi di lingua italiana e educazione civica ai cittadini stranieri, nonché di garantire agli stessi cittadini extracomunitari una adeguata offerta didattica attraverso corsi di insegnamento in tutto il contesto territoriale.

Potenziare la rete formata da Istituzioni, Prefettura e Istituti scolastici è fondamentale per favorire una gestione organizzata dell’impatto sul territorio, anche alla luce dei nuovi adempimenti normativi, cercando di valorizzare al massimo gli aspetti di integrazione che sono alla base di una comunità sana. Il budget complessivo a questo piano è di 47.293 euro.

I dati di contesto nel territorio, anno 2011
Dai dati dell’Osservatorio demografico provinciale emerge che i residenti stranieri alla data dell’1 gennaio 2011 sono complessivamente 33.113 con una variazione rispetto alle stime precedenti di 2.564 unità (pari ad una crescita percentuale del 8,4%). Di questi il 57,8% si concentra nei due maggiori comuni costieri (47,4% a Rimini e 10,4% a Riccione). In Alta Valmarecchia, che comprende 7 comuni dell’entroterra entrati a fare parte del territorio provinciale da poco più di un anno, risiede il 4,4% dei cittadini stranieri immigrati.Nel distretto nord (comprensivo dei 7 comuni dell’Alta Valmarecchia) si concentrano 22.572 cittadini stranieri, quasi il 70% del totale, mentre nel distretto sud risiedono i restanti 10.541 cittadini stranieri.A parte i comuni capodistretto, i comuni a più alta pressione migratoria agli inizi di quest’anno sono Bellaria-Igea Marina (13,5%), San Leo (12,1%), Morciano di Romagna (11,7%), Torriana (10,7%), San Clemente (10,5%).

Gli stati esteri rappresentati sul  territorio sono 127: tra i primi 5 troviamo l’Albania (24,2%), la Romania (13,3%), l’Ucraina (10,7%), il Marocco (6,2%) e la Cina (5,5%).

I servizi oggi esistenti sul territorio provinciale per favorire l’integrazione linguistica e l’alfabetizzazione dei cittadini stranieri adulti vedono un grande impegno delle Istituzioni e del terzo settore. Sul territorio sono attivi due Centri Territoriali Permanenti (CTP), ubicati rispettivamente nel comune di Rimini e nel comune di Morciano di Romagna: i CTP organizzano sia corsi di alfabetizzazione per cittadini stranieri sia corsi per il conseguimento della Licenza media, gestiti da insegnanti professionali.

“Si tratta di azioni di grande impatto sociale” spiega l’Assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Rimini, Mario Galasso “che vanno a coprire bisogni e necessità di una ampia fascia di cittadini extracomunitari, garantendo standard omogenei di formazione e ampia copertura del territorio provinciale. La rete di istituzioni, prefettura e scuole alla base di queste iniziative è una buona prassi che sta riscuotendo interesse anche a livello nazionale, indice del buon lavoro che, insieme, stiamo portando avanti per una piena integrazione”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccata nella boutique, razzia di costosi capi di abbigliamento e borse griffate

  • Insieme nella vita e nel lavoro, marito e moglie riaprono il supermercato in via della Fiera

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

  • Investe una donna con i suoi tre cani sulle strisce pedonali e scappa: è caccia al pirata

  • Banda del bancomat in azione, malviventi messi in fuga dai carabinieri

Torna su
RiminiToday è in caricamento