L'Emilia-Romagna investe sulle due ruote: due nuove piste ciclabili a Rimini

Per incentivare l’utilizzo delle due ruote negli spostamenti quotidiani casa-lavoro e casa-scuola e contribuire così alla riduzione dell’inquinamento dell’aria

Una rete di 135 chilometri di nuove piste ciclabili da Piacenza a Rimini e mille posti bici in più in apposite strutture e spazi attrezzati situati a ridosso delle stazioni ferroviarie. Il tutto per incentivare l’utilizzo delle due ruote negli spostamenti quotidiani casa-lavoro e casa-scuola e contribuire così alla riduzione dell’inquinamento dell’aria e della congestione del traffico urbano, con indubbi benefici per la salute pubblica. La Regione Emilia-Romagna investe sulla mobilità sostenibile e mette sul piatto un ulteriore pacchetto di risorse finanziarie pari a 10 milioni di euro per sostenere la realizzazione entro un paio d’anni di 36 nuovi interventi di potenziamento del sistema regionale delle ciclovie in ambito urbano e dei servizi e infrastrutture di interscambio con il sistema ferroviario. Interventi che vedono come protagonisti soprattutto i comuni di piccole o medie dimensioni - singoli, associati e loro unioni - e, in qualche caso, le province. È il frutto di un bando emanato a giugno, nella scia della legge regionale approvata all’unanimità dall’Assemblea legislativa nel maggio del 2017 per la promozione della mobilità ciclistica, e di cui la Giunta di viale Aldo Moro ha approvato la graduatoria finale. Alta la partecipazione, ben 93 le domande presentate, a testimonianza del grande interesse da parte degli enti locali rispetto a queste tematiche.

Sono 36 le domande ammesse a contributo, di cui 29 riguardanti l’ampliamento e la messa in sicurezza della rete delle ciclovie e 7 il potenziamento dei servizi di deposito bici nei pressi delle stazioni ferroviarie, che potranno beneficiare del sostegno regionale, con contributi che oscillano dal 20% al 70% della spesa, per un investimento complessivo di oltre 23 milioni di euro. Le domande escluse per mancanza di fondi sono state inserite in una graduatoria di riserva alla quale attingere nell’eventualità che si rendano disponibili risorse finanziare aggiuntive oppure in caso di rinuncia o e revoca dei finanziamenti assegnati ai progetti prima classificati. A Rimini due gli interventi che vanno dalla realizzazione ex novo di percorsi ciclabili, al potenziamento e ‘ricucitura’ di tratti già esistenti della rete ciclopedonale, alla messa in sicurezza di attraversamenti e altre infrastrutture.

“Ci siamo posti l’ambizioso obiettivo di raddoppiare la quota di mobilità ciclopedonale dall’attuale 10% al 20% entro i prossimi anni- sottolinea l’assessore regionale alle Infrastrutture e mobilità, Raffaele Donini-. Grazie a questo bando facciamo un ulteriore passo avanti per centrare questo traguardo e aggiungiamo un altro tassello agli interventi messi in campo dalla Regione negli ultimi anni per dare una spinta allo sviluppo della mobilità sostenibile, dal potenziamento delle flotte di autobus ecologici a minor impatto ambientale, agli incentivi per l’acquisto di auto ibride, fino all’installazione di oltre 2.000 colonnine per la ricarica dei veicoli a trazione elettrica sull’intero territorio regionale e, appunto, al sostegno per la realizzazione di una capillare rete di percorsi per le due ruote, soprattutto in ambito urbano”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si prendono gioco di polizia e quarantena: sesso a 3 in strada davanti al comando

  • "Quelle strane coincidenze", Wuhan e Codogno vicini alla fiera del Sigep

  • Sesso in strada durante la quarantena, individuato il trio di esibizionisti

  • Lutto nella comunità di San Patrignano, si è spenta Maria Antonietta Muccioli

  • Ristoratore stroncato da un improvviso malore nella sua abitazione

  • "Se curva epidemiologica non si abbassa, entro le prossime 2 settimane servono ospedali da campo"

Torna su
RiminiToday è in caricamento