"L'ho fatto perchè sono disoccupato", arrestato il rapinatore del bancomat

Il malvivente, coltello alla gola, aveva costretto una commerciante a prelevare i contanti dallo sportello automatico

Si è giustificato, davanti al personale della Mobile che lo stava arrestando, sostenendo di averlo fatto perchè era disoccupato e bisognoso di denaro. Una storia che, però, non ha intenerito gli agenti che hanno ammanettato il 53enne foggiano ritenuto essere il rapinatore che, lo scorso 10 ottobre, aveva aggredito una commerciante riminese. L'uomo, quella sera, col volto coperto da un cappuccio aveva aggredito la sua vittima e, sotto la minaccia di un coltellaccio da cucina, aveva costretto la donna a consegnargli il portafoglio con 40 euro. Visto l'esiguo bottino, sempre sotto la minaccia della lama, il malvivente aveva costretto la vittima a recarsi al primo bancomat disponibile dove la donna aveva prelevato dell'altro contante da consegnare al 53enne. Prima di lasciarla andare, il rapinatore aveva fotografato i documenti della donna intimandole che, se avesse sporto denuncia, avrebbe saputo dove rintracciarla per ucciderla. Solo due giorni dopo, infatti, la commerciante aveva avuto il coraggio di presentarsi in polizia per la denuncia. Le indagini avevano subito portato gli investigatori della Mobile sulle tracce del rapinatore che, giovedì pomeriggio, è stato catturato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccata nella boutique, razzia di costosi capi di abbigliamento e borse griffate

  • Insieme nella vita e nel lavoro, marito e moglie riaprono il supermercato in via della Fiera

  • Fratelli separati alla nascita, la sorella scomparsa riappare a Cattolica dopo 50 anni

  • Un locale del Borgo San Giuliano premiato tra i migliori 50 ristoranti low cost d'Italia

  • Investe una donna con i suoi tre cani sulle strisce pedonali e scappa: è caccia al pirata

  • Banda del bancomat in azione, malviventi messi in fuga dai carabinieri

Torna su
RiminiToday è in caricamento