L'ira dei commercianti di San Giuliano: "Le nuove fogne non funzionano"

La zona mare finita sott'acqua dopo le piogge nella notte tra domenica e lunedì, tanti i danni lamentati dagli imprenditori

Monta la rabbia degli imprenditori di Confcommercio dopo che, nella notte tra domenica e lunedì, a causa delle piogge si sono ritrovati le loro attività di San Giuliano Mare allagate. Sul banco degli imputati, secondo il Presidente provinciale di Confcommercio di Rimini Gianni Indino, il nuovo impianto di prima pioggia che in modo automatico dovrebbe intervenire proprio per evitare gli allagamenti.  “La notte tra il 9 e il 10 ottobre è stata apocalittica per gli imprenditori di San Giuliano Mare – racconta Indino – molti associati l’hanno trascorsa lavorando presso le proprie attività cercando di limitare con ogni mezzo a disposizione i danni per le piogge. Seminterrati, scantinati e garages con mezzo metro d’acqua, nonostante paratie e pompe idrovore in funzione, attrezzature e veicoli a mollo, danni ingentissimi: questo lo scenario che si sono trovati ad affrontare albergatori e commercianti della zona per la sesta volta negli ultimi due anni. Tanta, tantissima la rabbia anche perché propria in quell’area nel maggio scorso è stata inaugurato e 'messo in funzione' un impianto di prima pioggia che in modo automatico dovrebbe intervenire proprio per evitare gli allagamenti che invece puntualmente si verificano in occasione di copiose precipitazioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Proprio qui è il problema – prosegue il Presidente – l’automatismo non funziona e quindi occorre attendere l’arrivo in loco del personale di Hera per l’avvio manuale quando ormai, purtroppo, è già tardi. E’ accaduto per ben tre volte dall’inaugurazione dell’impianto. Faccio mio l’appello degli imprenditori ma anche dei residenti della zona nei confronti di Hera: fate presto fate presto a risolvere questa problematica che crea un grave disagio e ingenti danni economici. Non so qual è il problema, né mi interessa saperlo. So solamente che una volta attivato l’impianto funziona, e bene; so solamente che diversi imprenditori sono stati costretti ad accendere mutui per rimettere in sesto gli ambienti danneggiati e ricomprare le attrezzature divenute inutilizzabili. Ho preso contatti con l’Assessore Montini per avere delucidazioni sulla questione la quale mi ha assicurato che la situazione è monitorata e proprio in questi giorni ha avuto incontri con i vertici di Hera per risolvere il problema. Auspico che la questione venga risolta con estrema urgenza, perché i danni e i disagi sono considerevoli e purtroppo anche oggi piove: ancora una volta, piove sul bagnato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bagno in mare all'alba, una ragazzina muore annegata

  • Spot choc a danno della Riviera per promuovere la Calabria, rispetto al nord a rischio Covid

  • Suv tira dritto alla rotatoria, mamma e figlio in scooter centrati in pieno

  • Tragedia sulle strade, militare di stanza a Rimini perde la vita con la figlia 13enne

  • Movida senza mascherine, nei guai diversi locali: multati anche baristi e clienti

  • Notte Rosa, svelate le anticipazioni sull'edizione 2020

Torna su
RiminiToday è in caricamento