La farmacista derubata: "Rovinata dai ladri, rischio di dover chiudere la mia attività"

Amaro sfogo della dottoressa Elena Morri dopo il colpo nella sua parafarmacia coi malviventi che si sono impossessati di prodotti per 10mila euro

E' un appello accorato quello lanciato sulla sua pagina Facebook dalla dottoressa Elena Morri, la titolare della parafarmacia sulla Marecchiese ripulita dai ladri nella notte tra mercoledì e giovedì. Un colpo che, oltre a far sparire i 1000 euro del fondocassa, ha visto i malviventi impossessarsi di merce per un valore di 10mila euro che rischia di mettere in ginocchio l'attività della professionista. "Sono sempre stata una persona onesta - ha spiegato la farmacista sfogandosi sul social network - ho sempre cercato di aiutare i clienti il piu possibile, alcuni mesi con lo sconto fisso del 10 per cento e ho lavorato senza portarmi a casa lo stipendio. Ma come sempre le persone perfide malvagie e senza scrupoli continuano a fare del male. Già 5 anni fa avevo subito una rapina a mano armata che mi aveva seriamente fatto vacillare, ma quello che è successo questa notte è ancora peggio.Questa notte sono entrati i ladri, hanno portato via oltre la metà della merce che avevo, la maggior parte della quale ancora devo pagare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 "Questa è una richiesta di aiuto e di ricerca di comprensione - aggiunge la dottoressa Morri. - Non so se riuscirò a non chiudere, molto difficile non farlo perché mi ritrovo a dover pagare migliaia e migliaia di euro di merce che non ho più, quindi con cosa la pago se i soldi non entrano più? E se ne ordino di nuova non posso sostenere la doppia spesa , non penso di farcela questa volta, non più. L’unico appello che faccio è capire che nel periodo che ancora sarò aperta non potrò fare lo sconto del 10 per cento, e l’unica speranza che ho di non chiudere è chiedere a tutti voi di spargere la voce per far sì che tante, tantissime persone vengano a comprare da me, perché altrimenti non ce la farò a ripagare tutto. Non chiedo elemosina, chiedo solo un aiuto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Bonus bici: è boom di vendite di biciclette, ma non per tutti

  • Lavoro stagionale, le figure più ricercate e i consigli dei Centri per l'impiego

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

  • Contributi a fondo perduto per migliorare e modernizzare negozi, bar e ristoranti

  • Covid-19, altri 19 guariti. Cinque nuovi contagiati: i positivi totali sono 163

Torna su
RiminiToday è in caricamento