menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

La notte agitata per un 46enne finisce in ospedale

Notte agitata per un leccese di 46 anni. Per fermare il pugliese, particolarmente agitato, si è reso necessario l'intervento di due pattuglie della Polizia

Notte agitata per un leccese di 46 anni. Per fermare il pugliese, particolarmente agitato, si è reso necessario l’intervento di due pattuglie della Polizia. L’uomo, ubriaco fradicio, si è presentato in via Curiel, dove abita la compagna, suonando ripetutamente il citofono e battendo violentemente contro la finestra. Alla richiesta di mostrare i documenti, si è ulteriormente agitato. Portato al comando per gli accertamenti del caso, si è ferito in una caduta.

Nonostante la ferita, ha continuato ad inveire ed aggredire i poliziotti. Uno ha riportato lesioni guaribili in sette giorni. Il pugliese è stato portato all’ospedale per un trattamento sanitario obbligatorio. L’uomo è stato denunciato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e sanzionato per ubriachezza.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Sangue e morte sul lungomare di Rimini, uomo ucciso davanti al ristorante

    • Cronaca

      Un movente agghiacciante per l'omicidio di Petrit Nikolli a Rivabella

    • Incidenti stradali

      Contromano sul lungomare, cicloamatori falciati da uno scooterone

    • Cronaca

      Catturati dopo una fuga di 300 chilometri i killer dell'idraulico ucciso a Rivabella

    Torna su