La notte agitata per un 46enne finisce in ospedale

Notte agitata per un leccese di 46 anni. Per fermare il pugliese, particolarmente agitato, si è reso necessario l'intervento di due pattuglie della Polizia

Notte agitata per un leccese di 46 anni. Per fermare il pugliese, particolarmente agitato, si è reso necessario l’intervento di due pattuglie della Polizia. L’uomo, ubriaco fradicio, si è presentato in via Curiel, dove abita la compagna, suonando ripetutamente il citofono e battendo violentemente contro la finestra. Alla richiesta di mostrare i documenti, si è ulteriormente agitato. Portato al comando per gli accertamenti del caso, si è ferito in una caduta.

Nonostante la ferita, ha continuato ad inveire ed aggredire i poliziotti. Uno ha riportato lesioni guaribili in sette giorni. Il pugliese è stato portato all’ospedale per un trattamento sanitario obbligatorio. L’uomo è stato denunciato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e sanzionato per ubriachezza.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Economia

      Benvenuti nell'era della Digital Experience: con Be-Wizard! si traccia la direzione del neo-marketing

    • Sport

      Karate, Lisa Pivi si conferma campionessa europea nella specialità del kata

    • Economia

      Alternanza scuola-lavoro: al via gli 80 progetti in Hera per la formazione degli studenti

    • Cronaca

      Arruolarsi in Guardia di Finanza: pubblicati i bandi di concorso

    I più letti della settimana

    • Confermata la diagnosi di meningite, 15enne in coma all'Infermi di Rimini

    • I genitori entrano in casa e trovano il figlio a terra senza vita

    • Sospetto caso di meningite, 15enne in gravissime condizioni all'Infermi

    • Legata e rapinata nella sua abitazione, vittima sotto choc soccorsa dall'ambulanza

    • Delusione d'amore, decide di farla finita nel giorno di San Valentino

    • Ritrovato il corpo nudo e senza vita di una donna lungo il Marecchia

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento