La Protezione civile della Valconca cerca volontari

Dallo spegnimento degli incendi boschivi alla ricerca di persone scomparse, dalla gestione delle emergenze al montaggio dei campi di accoglienza, dall’assistenza alla popolazione alla gestione delle cucine da campo

Dallo spegnimento degli incendi boschivi alla ricerca di persone scomparse, dalla gestione delle emergenze (terremoti, frane, alluvioni, etc.) al montaggio dei campi di accoglienza, dall’assistenza alla popolazione alla gestione delle cucine da campo. Tante sono le attività che vedono impegnato il G.I.V (Gruppo Intercomunale di protezione Civile Valconca). L’ultima, in ordine di tempo, è stata la pulizia e la bonifica del laghetto del parco urbano del Conca di Morciano. Ma nei mesi scorsi i volontari hanno vissuto in prima persona anche storie di solidarietà e aiuto, ad esempio durante l’emergenza che ha colpito il centro Italia nel 2016, con la presenza nei campi base allestiti dalla Regione Emilia Romagna a Uscerno/Montegallo (A.P) e Caldarola (MC).

Il G.I.V, tuttavia, è sempre alla ricerca di nuovi volontari. “Spesso, in occasione di terremoti o altre calamità che hanno una certa risonanza mediatica, si verifica una vera e propria corsa alle iscrizioni – spiegano i coordinatori del gruppo –. Questa ansia di rendersi utili è ovviamente degna di lode, ma l’importante è che l’impegno del volontario sia costante nel tempo e non si esaurisca al solo corso di base. L’addestramento, all’interno della Protezione Civile, non finisce mai: ogni settimana il nostro gruppo di reperibilità è impegnato in nuove esercitazioni, corsi e lezioni. Una solida preparazione è elemento indispensabile per fronteggiare situazioni delicate o potenzialmente rischiose. Ricordiamo infine che ogni volontario si rende disponibile a seconda delle proprie esigenze e dei propri orari. E’ anche per questo motivo che occorre coinvolgere il maggior numero di persone possibile”. “Al momento il Gruppo può contare su 22 volontari. Pochi, almeno per un territorio esteso quanto quello della Valconca. Non dimentichiamo, poi, che il grosso dei volontari è concentrato su Morciano e che alcuni Comuni non ne hanno nemmeno uno. I ranghi sono ridotti, e questo naturalmente costituisce un ostacolo alla piena operatività del “Gruppo di Protezione Civile.

“Nella programmazione delle attività ordinarie invernali/primaverili – prosegue il coordinamento – stiamo pianificando delle demo in ogni singolo comune della Valconca proprio per sensibilizzare le persone portandole a conoscere la nostra operatività. Abbiamo anche in progetto, nella primavera 2018, una simulazione di ‘Allerta per rischio sismico’ con partecipazione degli alunni di una scuola che sarà evacuata, nel Comune di Morciano di Romagna”. La sede del G.I.V è a Morciano, nello stesso stabile della Polizia Locale, in via Santa Maria Maddalena 148. L’email è: gruppointercvalconca@libero.it. Nella stessa sede è presente la “Centro Operativo Intercomunale” C.O.I che è il ponte di comando da dove i funzionari incaricati decidono  e pianificano le operazioni necessarie in caso di emergenza di qualsiasi genere colpisce la Valconca.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stroncato da un malore durante la partita di calcetto muore a 28 anni

  • Risotto coi funghi velenosi: muore dopo una settimana di agonia

  • Il Cocoricò riapre le porte con un nuovo gestore: "Inaugureremo a Pasqua e ci saranno grandi eventi"

  • Amazon a Santarcangelo, il colosso dell'e-commerce ha aperto i battenti

  • Valerio Braschi pronto ad aprire il suo ristorante: il campione di Masterchef cerca personale

  • Indossa vestiti a strati e poi cerca di scappare dal negozio senza pagarli

Torna su
RiminiToday è in caricamento