“La Salute a Tavola”, incontro con i piccoli di Oncoematologia Pediatrica

Lo scopo era quello di far comprendere ai ragazzi come un’alimentazione sana possa essere sia gustosa che divertente, attraverso fasi di spiegazioni teoriche e di dimostrazioni pratiche e giocose

 Nella giornata di martedì 12 settembre l’Istituto Oncologico Romagnolo ha incontrato i bambini dell’Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale Infermi di Rimini nell’ambito del progetto “La Salute a Tavola”. Una ventina di piccoli pazienti sono stati invitati presso il Ristorante Amorimini, sul Lungomare Augusto Murri, assieme ai loro famigliari e genitori per incontrare la dietista e nutrizionista Annamaria Acquaviva e per “giocare col cibo”. Lo scopo era quello di far comprendere ai ragazzi come un’alimentazione sana possa essere sia gustosa che divertente, attraverso fasi di spiegazioni teoriche e di dimostrazioni pratiche e giocose.

“E’ stato un bellissimo pomeriggio – afferma la dott.ssa Acquaviva – i bambini si sono prestati con grande entusiasmo, andando a provare anche alcuni alimenti che non avevano mai assaggiato senza alcun tipo di preclusione. I genitori per una volta hanno svolto il ruolo di ‘aiutanti’ nella preparazione di piatti semplici ma gustosi, e insieme ci siamo divertiti molto. Fondamentalmente tutti i bimbi dovrebbero essere sensibilizzati sull’importanza di seguire la dieta mediterranea, come arma di prevenzione o, in questo caso, come aiuto alle terapie. A questo scopo abbiamo utilizzato prima video e immagini divertenti, dopo di che abbiamo proprio ‘giocato col cibo’, andando appunto a preparare semplici ricette in maniera ludica e scherzosa. In questo modo abituiamo i piccoli ad assumere quei comportamenti alimentari che li aiuteranno nel proseguo della loro vita. Alla fine penso che l’iniziativa sia stata un grande successo, grazie all’entusiasmo dei suoi partecipanti e alla collaborazione tra IOR e Oncoematologia Pediatrica”.

Il progetto non si fermerà qui ma vivrà altre iniziative, sempre esclusivamente rivolte ai piccoli pazienti e ai loro cari. In particolare sono previsti due incontri dedicati ai genitori e ai famigliari dei bambini. Il primo si terrà presso la Sala Conferenze di SGR, partner dell’iniziativa, e vedrà la partecipazione della Responsabile dell’Oncoematologia Pediatrica di Rimini, dott.ssa Roberta Pericoli, accanto alla dott.ssa Acquaviva per fornire le basi teoriche di un’alimentazione che risponda alle specifiche esigenze dei bimbi; durante la seconda, invece, lo chef consulting Luca Zannoni procederà con le dimostrazioni pratiche. Lo chef incontrerà anche i piccoli pazienti in un terzo appuntamento a loro dedicato, per mettere assieme a loro letteralmente le “mani in pasta” e insegnare loro nuove ricette. Questi eventi rappresentano un’anteprima di quello che sarà “La Salute a Tavola”: l’iniziativa che vede IOR e Conad uniti per la sensibilizzazione della popolazione sull’importanza di un corretto regime alimentare, che ha visto la partecipazione di circa 600 persone nelle sue varie tappe in giro per la Romagna, tornerà nella prima parte del 2018 con un format completamente rinnovato. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Spacciatori nel parco, giovane richiedente asilo arrestato dai carabinieri

  • Cronaca

    "Sul treno c'è 'Igor il russo'", circondata la stazione ferroviaria di Rimini

  • Cronaca

    Molestata sul lavoro dal superiore: “Ti piace la banana? Ma te con il tuo moroso come lo fai?"

  • Cronaca

    Prende forma la controversa passerella a ridosso del ponte di Tiberio

I più letti della settimana

  • "Sul treno c'è 'Igor il russo'", circondata la stazione ferroviaria di Rimini

  • Dopo lo schianto mortale l'automobilista trovato positivo a droga e alcolici

  • Cattolica "Regina di ghiaccio" per Natale: una suggestiva pista di pattinaggio circolare

  • Riccione piange la scomparsa della nota albergatrice Anna Maria Melucci

  • Ucciso davanti al ristorante, il pm chiede pene esemplari per i tre autori dell'omicidio

  • Restaurata la casa ottocentesca, nuova sfida per il ristorante Dallo zio

Torna su