La truffa dei cuccioli ungheresi, in onda il servizio delle Iene fatto a Rimini

L'inchiesta di Casciari che ha scoperto, prima di Natale, un traffico di cagnolini in un negozio riminese

E' andato in onda lunedì sera il servizio delle Iene realizzato a Rimini lo scorso 23 dicembre che aveva permesso di scoprire un traffico di cuccioli di cane provenienti dall'est Europa. Il blitz delle Guardie Ecozoofile e della Guardia di Finanza, in seguito alla segnalazione dell'inviato Mediaset Mauro Casciari, aveva poi portato al sequestro di 12 cuccioli troppo piccoli per essere messi in vendita e la scoperta di uno dei piccoli affetto da parvovirosi, una malattia infettiva di origine virale conosciuta anche come gastroenterite trasmissibile, che era stato trasportato d'urgenza dalle Guardie Ecozoofile presso il “Centro Veterinario Riminese CVR” ed essere ricoverato per le cure del caso. Il serivzio della trasmissione televisiva ha analizzato il traffico illegale di cani che, partendo dall'Ungheria, arriva fino in Italia dove i cuccioli, anche se malati o troppo piccoli, vengono rivenduti da negozi con pochi scrupoli a dieci volte il prezzo d'acquisto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fermato tre volte in un giorno: "Voglio godermi la vita, tanto le multe non le pago"

  • Calano ulteriormente i nuovi contagi, meno ricoverati in terapia intensiva

  • Buoni spesa, come richiedere il contributo: 150 euro per ogni componente della famiglia

  • Borrelli allunga la quarantena fino al primo maggio: "Fase 2 forse dal 16"

  • Droga party nel garage per combattere la noia della quarantena

  • A spasso sulla battigia azzanna gli agenti della polizia di Stato

Torna su
RiminiToday è in caricamento