Beccati a rubare rame alla centrale Enel, due italiani arrestati in flagranza

Entrati nella struttura di via San Martino in Venti tagliando la recinzione con delle cesoie, hanno fatto scattare gli allarmi facendo accorrere le Volanti della polizia. In manette un riminese 34enne e un milanese 42enne

Armati di tenaglie e cesoie, erano già riusciti ad entrare nella zona della centrale Enel di via San Martino in Venti e a impossessarsi di 110 chili di rame ma, la loro irruzione, ha fatto scattare gli impianti di allarme facendo accorrere le Volanti della polizia verso le 22.30 di mercoledì. Ad essere stati arrestati in flagranza sono un riminese 34enne e un milanese 42enne sorpresi dagli agenti mentre toglievano il prezioso metallo dalle guaine di plastica e lo arrotolavano per facilitarne il trasporto. I due malviventi sono arrivati a piedi nella centrale, il riminese abita poco distante, e dopo essere stati ammanettati è scattata la perquisizione nella casa del 34enne. In suo possesso sono stati trovati arnesi professionali per lo scasso.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Distrazione fatale, beve da una bottiglietta che conteneva liquido corrosivo

    • Cronaca

      Trovato a terra in una pozza di sangue, giallo a San Giuliano

    • Cronaca

      Viale Tripoli riasfaltata porta una brutta sorpresa per gli automobilisti

    • Cronaca

      Spacciatori al Bikini durante la festa del 23 aprile, incastrati dal fiuto dei cani antidroga

    I più letti della settimana

    • Festa al Bikini: in 22 soccorsi dai medici dell'ospedale da campo

    • Minorenni in coma etilico, la Questura chiude il locale dai cocktail facili

    • Trovato a terra in una pozza di sangue, giallo a San Giuliano

    • Fiamme dolose all'alba, distrutto negozio di frutta e verdura

    • Mix di "canne" e alcol, finisce in overdose alla festa sulla spiaggia

    • Bambino di 2 mesi picchiato e ridotto a un vegetale, genitori a processo

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento