menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Figlia violenta al culmine di un litigio, la mamma chiama il 112

Mamma impaurita del comportamento aggressivo della figlia chiama il 112. E' quanto accaduto nel primo pomeriggio di giovedì in un'abitazione a Rimini

Mamma impaurita del comportamento aggressivo della figlia chiama il 112. E’ quanto accaduto nel primo pomeriggio di giovedì in un’abitazione a Rimini. La giovane, 20 anni, al culmine dell’ennesima discussione,  si è causata volontariamente delle ferite alle braccia ed ai polsi con le schegge di vetro di un vaso precedentemente infranto. Giunti sul posto, i Carabinieri hanno riportato la situazione alla calma,  in attesa dell’intervento dell’ambulanza che ha provveduto a trasportare la giovane presso il locale pronto soccorso.

Circa due ore più tardi invece i militari dell’Aliquota Radiomobile sono intervenuti in un condomino dove si segnalava l’impossibilità di addormentare la bambina di tenera età,  a causa della musica a tutto volume proveniente dall’appartamento del vicino. I Carabinieri hanno provveduto a risolvere la situazione.
 

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Sangue e morte sul lungomare di Rimini, uomo ucciso davanti al ristorante

    • Cronaca

      Un movente agghiacciante per l'omicidio di Petrit Nikolli a Rivabella

    • Incidenti stradali

      Contromano sul lungomare, cicloamatori falciati da uno scooterone

    • Cronaca

      Catturati dopo una fuga di 300 chilometri i killer dell'idraulico ucciso a Rivabella

    Torna su