Maltempo, danni al patrimonio arboreo del Comune. Numerosi interventi di rimozione

E’ stato il patrimonio arboreo della città quello che ha sofferto maggiormente della bufera che ha colpito tutto il riminese attorno alle 19 di venerdì sera

E’ stato il patrimonio arboreo della città quello che ha sofferto maggiormente della bufera che ha colpito tutto il riminese attorno alle 19 di venerdì sera sera con raffiche di vento associate al fronte temporalesco con velocità istantanee di 80 km/h e velocità media di 20 - 35 km/h. Una consistenza delle raffiche di vento che hanno spazzato nell’arco di un’ora – un’ora e mezzo il territorio a velocità inattese, spezzando rami e abbattendo alberi. Non risulta che ci siano stati feriti anche se notevoli sono stati i danni specie quando le alberature abbattute dal vento sono cadute in qualche caso su alcune auto.
Le squadre della Polizia locale di Rimini unitamente a quelle d’Anthea sono immediatamente intervenute per rimuovere e facilitare la circolazione stradale là dove impedita dalle piante e dai rami rovinati a terra e intervenire sulle situazioni più problematiche, cercando di dare risposte alle chiamate dei cittadini che numerose arrivavano ai centri di pronto intervento. Attivato il coordinamento protezione civile Rimini operativo coordinati  dai vigili del fuoco.

Un grosso ramo crollato sulla strada in via Tripoli e un albero caduto da un’area privata sulla via della Grotta Rossa sono i fatti più rilevanti che hanno coinvolto la viabilità durante il forte temporale associato alle raffiche di vento. Ma il vento associato al repentino calo delle temperature ha prodotto molti altri danni al verde cittadino. Al parcheggio piazzale Bornaccini, un crollo ha coinvolto due auto in sosta. Al Parco della Cava è crollato un grosso pioppo, in via Colombo un ailanto è finito sul cofano di un’auto in sosta. Due olivi di Boemia sono caduti in zona porto di Rimini e a Rivazzurra; un cedro a terra di fronte alle scuole Decio Raggi ed un pioppo al Parco Olga Bondi. Danni a numerosi tamerici sul lungomare a sud, mentre una grossa branca di ippocastano è finita a terra in viale Principe Amedeo. A Covignano alberature e rami sono finiti a terra, così come al Parco Fellini. Interventi anche in via Amola dove un albero impediva il transito e in via Santa Aquilina, all’altezza Museo Aviazione, alcuni alberi sono finiti a terra.

Dalle 7 di sabato mattina altre tre squadre sono al lavoro per verificare le situazioni più delicate e intervenire per mettere in sicurezza le aree interessate dalla presenza di fronde a terra e da rami pericolanti, che alla luce del giorno sono meglio individuabili.

Riccione

A Riccione, l’assessore all’ambiente Lea Ermeti ha effettuato già dalla serata di venerdì dei sopralluoghi per verificare personalmente l’entità dell’evento atmosferico sulla città. Dalla serata si è attivata immediatamente la macchina organizzativa composta da Hera per lo spazzamento e la pulizia delle strade, da Geat e dalla Polizia Locale per mettere in sicurezza le strade e la circolazione dei veicoli, dai Vigili del Fuoco e da due squadre della Associazione Arcione Volontari della Protezione Civile coadiuvati dalla Cri- Comitato Locale Riccione.  Per tutta la giornata e nei prossimi giorni proseguiranno gli interventi di rimozione dei rami e degli alberi caduti, di spazzamento delle strade, in particolare dagli aghi dei pini, al fine garantire la massima sicurezza.  Non sono stati riscontrati danni alle persone o feriti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Metromare, ufficializzate le tariffe della tratta Rimini-Riccione

  • Sesso a tre col transessuale finisce a sassate, nei guai coppia di fidanzati

  • L'autobus fa salire i passeggeri alla fermata e una macchina lo tampona in pieno

  • Trasporto pubblico, gli autisti incrociano le braccia

  • Mare d'inverno, chiringuito e cupole sulla spiaggia di Riccione

  • Molestie sessuali ad una bimba di 4 anni, papà a processo accusato di pedofilia

Torna su
RiminiToday è in caricamento