Maltrattata dal compagno chiama la polizia, gli agenti scoprono una centrale di spaccio

Due persone arrestate per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione

Nella giornata di giovedì il personale delle Volanti della Questura di Rimini è intervenuto in un'abitazione dove una 38enne, di origini catanesi, aveva chiesto aiuto in quanto lei e il figlio 15enne erano maltrattati dal compagno di lei, un 43enne tarantino. Arrivati sul posto, gli agenti si sono resi conto che in quella casa non c'erano solo le vessazioni denunciate dalla vittima e hanno chiesto l'intervento anche dell'unità cinofila della polizia Municipale. Il fiuto di Iago ha così permesso di scoprire della sostanza stupefacete oltre a tutto il materiale per confezionarla. Gli agenti, poi, sono riusciti a risalire a un 42enne casertato risultato essere il fornitore del 43enne. I due uomini sono stati così arrestati per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Rimini il primo caso di contagio in Romagna

  • Il ristoratore ha ‘esportato’ il virus in Romania, malato un 20enne dipendente del suo locale

  • Coronavirus a Rimini, il malato un cacciatore cattolichino rientrato da una battuta in est Europa

  • Coronavirus, la Regione annuncia due nuovi casi a Rimini. In 40 in isolamento volontario

  • Positivo al Coronavirus, scatta la quarantena per chi è venuto a contatto col cattolichino

  • L'ordinanza: chiuso il ristorante dell'uomo colpito dal Coronavirus e tutti i luoghi di aggregazione

Torna su
RiminiToday è in caricamento